La vertigine delle ossa

A cosa si riduce

dunque

questo stare nel mondo?

(…)

Che anche solo per un istante

assaggi la vertigine con le ossa

 

(Carolina Carlone, Alessandro Speaks, Pazzini 2016)

 

WP_20160805_16_43_11_Pro

*

A volte pochi versi bastano già per spiegare, per chiederci. Una volta il prete del mio paese diceva che dio ci parla personalmente, sfogliando a caso le pagine del suo vangelo. In effetti in questo sfogliare a caso consiste il segreto dei responsi. Spesso riceviamo la risposta che già ci aspettiamo, le parole di cui abbiamo bisogno.

A che cosa si riduce, dunque, questo stare al mondo?  All’attesa, all’attesa del Nulla. Nel frattempo assaggi la vertigine delle ossa.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...