Mary Barbara Tolusso: Non rimanere lì impalata

Ricordare Pier per me equivale avere presente la poesia. Pochi poeti sono poeti come lo è stato Pierluigi Cappello e non mi riferisco all’aspetto qualitativo dei suoi versi, di cui ho già detto in altri canali. Piuttosto penso a un suo particolare dono, ovvero l’empatia. Pier era una persona aperta, senza pregiudizi. Soprattutto una persona [...]

Annunci

Due ricordi

Un ricordo di Loredana Bogliun Avevo conosciuto Pierluigi da giovane, in Friuli. Ero partita dalle immense solitudini della terra istriana per arrivare in quei luoghi montani quasi lontani, accoglienti e pieni di saggezza antica. Pierluigi inchiodato su una sedia a rotelle esprimeva tutto questo. Non l’ho più rivisto e non l’ho mai dimenticato. Un omaggio [...]

Lina Salvi: L’ultima cosa che abbiamo guardato

Lina Salvi DEL DESERTO puntoacapo 2017   Ho letto queste poesie spesso storpiando mentalmente il complemento di argomento del titolo - Del deserto - , in complemento di moto a luogo: dal deserto. E si potrebbe pensare anche a un'altra variante - nel deserto - a sottolineare la sottile differenza che separa tre diverse esperienze [...]

Paolo Medeossi: Cercaluna

Quando la notte era stata esplorata in ogni anfratto e si doveva rientrare lentamente, molto lentamente, verso casa, Pier diceva: “Adesso taciamo, guida piano e metti su la cassetta con il concerto per Colonia di Keith Jarrett”. Era la musica che faceva da sottofondo a Nanni Moretti mentre, in Vespa e con casco, in una [...]

Giovanni Ibello: Ma guarda, figlio mio …

Giovanni Ibello, TURBATIVE SIDERALI, Terra d’ulivi 2016 Immaginiamo di assumere come termine di paragone questo testo a pagina 20: Quando tutto sarà finito sarà il sonno a irrigidire gli occhi ma prima della fine c’è una retrospettiva lenta dell’infanzia una campionatura degli amori. Poi il respiro si risolve in un orgasmo neuronale, è come un’implosione [...]

3 poesie per Pierluigi Cappello

Ida Vallerugo: E volevo un canto A Pierluigi Cappello Questo poeta che dalla sua terra, la più lontana provincia dell'impero, manda a dire all'imperatore ma qui si vive, ma qui si muore è il mio fratellastro, questo poeta figli noi di donna trascurata. E da lui si ferma e riprende i colori, e me visita [...]

Un ricordo di Pierluigi Cappello: Ivan Crico

Queste pagine sono dedicate a Pierluigi Cappello. Sono ricordi personali di poeti e amici che l'hanno conosciuto e che qui lo vogliono ricordare con affetto. Ringrazio tutte le persone che hanno voluto partecipare a questa iniziativa e in particolare Maurizio Casagrande che ha raccolto gli interventi.   UNA STAGIONE INDIMENTICABILE DI POESIA. UN RICORDO DI [...]

Simone Maria Bonin: …ma il rumore del reale …

Simone Maria Bonin, TRATTI PRIMI, Arcipelago Itaca 2017 Mi piace immaginare che un atteggiamento etico, non so quanto volontario, coinvolga ogni poetica in una “descrizione” dell’esperienza umana, della precarietà del vivere. Nella prima parte del libro, prima di declinarli nel vissuto, Bonin guarda con la coda dell’occhio i procedimenti scientifici – da qui il tono [...]

Dario Pasero, un libro e tre testi inediti

Sul numero 107 della rivista IL SEGNALE DI MILANO, è uscita questa mia recensione a un libro di Dario Pasero. La pubblico qui unitamente a tre testi inediti che l'autore mi ha inviato. Lo ringrazio. Dario Pasero, Ubach e adrèit, Altre riflessioni poetiche piemontesi, puntoacapo 2016 Il centro ideale di questo modo di sentire la [...]

Rosa Salvia sull’ultimo libro di Filippo Ravizza

Filippo Ravizza La coscienza del tempo La Vita Felice, Milano 2017 di Rosa Salvia     La poesia di Filippo Ravizza si esprime in un ricco plurilinguismo definitorio e non evocativo, espressionista, presente sia nella raccolta precedente Il secolo fragile, che ne La coscienza del tempo. Alla composizione di una lirica che sia anche prosa, [...]

Riccardo Duranti: qualche appunto

Riccardo Duranti, MEDITAMONDO, coazinzolapress 2013 Il libro raccoglie testi poetici scritti dal 1988 al 2012, ed è interessante, leggendo queste prove così ampiamente dislocate nel tempo, riflettere sulla storia dei libri “ufficiali” pubblicati a partire dagli anni ottanta, e di libri, come questo, cresciuti secondo direttive più indipendenti. Una riflessione in parallelo dimostra la presenza [...]

Eleonora Rimolo su un libro di Fabrizio Bregoli

Perché coprire tutto: nota di lettura a Il senso della neve, di Fabrizio Bregoli (Prefazione di Ivan Fedeli, Postfazione di Tomaso Kemeny, Puntoacapo 2016). La percezione del caldo e del freddo collimano in una straordinaria sensazione di assoluta grazia all’interno dei versi de Il senso della neve di Fabrizio Bregoli, per il quale la neve [...]

Rosa Salvia: solo il respiro dura per sempre

Rosa Salvia, IL GIARDINO DELL’ATTESA, Samuele Editore 2017 La poesia di Rosa Salvia è gentile e a suo modo fiabesca. La fiaba è un genere letterario che, certo, non espelle dalle sue trame il dolore e le avversità, cosicché, leggendo questi versi dedicati all’attesa di un giardino, prima avvertiamo il fiabesco della primavera, la morbidezza [...]

Annamaria Ferramosca: grido sono ancora

Annamaria Ferramosca, TRITTICI, Il segno e la parola, Dot.com Press 2016 Leggendo queste poesie di Annamaria a commento – ma il termine è chiaramente inappropriato – dei lavori pittorici di Amedeo Modigliani, Frida Kahlo, Cristina Bove e Antonio Laglia, mi viene subito da dire che ogni catalogo d’arte dovrebbe contenere commenti di questo genere. Lo [...]

Cinzia Marulli: in quel dolore che c’è…

Cinzia Marulli, LA CASA DELLE FATE, La Vita Felilce 2017 "E' un libro crudo e duro, tristemente angoscioso ma nel quale sono presenti anche delicate tenerezze", annota Marco Antonio Campos nella postfazione. Questa casa delle fate – espressione che costituisce una bella metafora a indicare qualcosa che si assottiglia, che diventa eterea – è la [...]