la scatola sonora n. 38

I finali di Wagner sono sconvolgenti perché finiscono per sciogliere in un lirismo disarmante, tutta la tensione di un intreccio che è durato per ore. Non amo il termine “sublime”, ma per quello che si prova ascoltando questa musica, non credo ci possa essere aggettivo più adeguato.
Una regia intelligente, non fine a se stessa, certo, aiuta a comprendere i nodi segreti di questa musica che sicuramente, tra le altre cose, oltre che anticipare il novecento, intuisce la psicologia di Freud.
Qui propongo il finale del “Crepuscolo degli dei” in tre regie diversissime, unitamente all’interpretazione sempre affascinante e potente di Jessye Normann.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...