Maurizio Casagrande su “LUCE DELLA NECESSITA'”

Per ritrovare sé stessi, la strada più sicura è anche la meno agevole, quella cioé del silenzio, operando su di sé un’epoché che ci riconduca alla nostra più vera essenza, quella dell’infanzia e delle radici più intime a cominciare dalle pietre di una casa ristrutturata con le proprie mani nel cuore di un piccolo bosco, fino alla riappropriazione delle creature animate che vi dimorano e della stessa lingua, un italiano senza fronzoli, secco e aspro quanto scaglie di sasso: “la parola si contorce come una bestia azzannata / sanguina, non respira” (il nome, p. 58). È precisamente quanto l’autore s’è proposto di realizzare nelle quattro sezioni in cui si articola questa preziosa silloge avvolta, come recita il titolo, nella luce della necessità.

Ringrazio naturalmente Maurizio e la rivista che ha ospitato il suo scritto.

CONTINUA…

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...