Non restate prigionieri della nostalgia

UN BELLISSIMO ARTICOLO DI CORRADO BAGNOLI

Ci sentiamo. Finisce sempre così la sua telefonata il mio amico Giuseppe. Ci sentiamo perché non possiamo incontrarci. Come tutti, come noi professori con i nostri ragazzi. Ma Giuseppe mi ha sorpreso: dall’alto dei suoi sessanta e tant’anni, oltre ogni sua ben conosciuta avversione per quanto sa di virtuale, o fasullo, come spesso lui dice, si è trovato a inventarsi un presente da smanettatore seriale…

CONTINUA QUI

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...