La scatola sonora n. 69

Giuditta: “Dormi o fulmine di guerra” – Alessandro Scarlatti

Non esistono molte versioni in rete di quest’aria di Alessandro Scarlatti, tratta dall’oratorio suo più famoso, La Giuditta.

Questa bellissima versione è cantata da Filippo Mineccia, un controtenore italiano in ascesa.

Fra le cose che si potrebbero dire di quest’aria: rientra nel repertorio barocco delle arie di meditazione ma mi ha sempre colpito il sottile livello psicologico del testo, e della musica di conseguenza. Sembra una ninna nanna, sottolinea quasi il rimpianto di un amore non realizzato…di qualcosa che non viene detto. C’è pena e malinconia prima della brutale uccisione, insomma. Di questi risultati la musica barocca ne annovera in grande quantità, a conferma del fatto che la musica, quella più profonda, non sia mai solo musica e note ma rapporto tra le motivazioni del testo e un ben più vasta armonia. E qui si raggiunge la commozione, perché quello che succede è che ci ritroviamo dalla parte della vittima.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...