IN ASPRE RIME n. 1

Esce il numero 1 dell rivista IN ASPRE RIME

 

Direttore

Matteo Vercesi

Redazione

Loredana Boglium

Pericle Camuffo

Maurizio Casagrande

Luciano Cecchinel

Lisa Gasparotto

 

Alessandra Giappi

Pietro Gibellini

Ilenia Marin

Renato Martinoni

Fabio Pagliccia

Tiziana Piras

Mauro Sambi

Alessandro Scarsella

Giovanni Tesio

 

Dalla quarta di copertina

questo numero di “InAspreRime”, interamente consacrato alla figura e all’opera di Amedeo Giacomini (1939-2006) si lega idealmente, nel formato come nella veste grafica, a “Diverse lingue”, la storica rivista sulla letteratura in dialetto e nelle lingue minori fondata e diretta dal poeta di Varmo. Una testimonianza della sua preziosa eredità, degli intrecci che aveva saputo stabilire con artisti, poeti, critici e lettori, così come della statura e della portata dell’intera sua opera.

 

Il volume di quasi 180 pagine, ricchissimo nei materiali, è pubblicato da Campanotto editore.

Contiene una presentazione di Matteo Vercesi ed è suddiviso in tre sezioni: SAGGI E SCRITTURE, TESTIMONIANZE, POESIE PER AMEDEO.

Nella sezione “Poesie” è possibile leggere un mio testo in siciliano che qui pubblico:

SEBASTIANO AGLIECO
PER IL RAGAZZO DEL TAGLIAMENTO

nunnì sàcciu nnomi r’acèddi
nunnancàgghiu e nunnì vinnu
nun canùsciu riti e mbrogghi pi futtìlli

alivòti, a sira, s’arricugghìva nu zziu
sduacàva ncoddu o mmarmu carnàzzi nìuri
nsirràti rintra comu zziti fuiùti
e palòri ca forsi ampurugghiàunu sulu a mmia:
«picchì n’ancagghiàti pi ll’ali
ni sbriugghiàti ro sciàuru ca è nostru?»

èrunu ddi stissi facci ca virìu nna facci ri me matri
addummisciùta ammènzu a casa
vistìta bbona, ri nìuru
ddu culléttu ri pilu ca parìva na signùra
u mussu pittàtu, i capìddi cunzàti comu nfistìnu

apperò ddu mparàri tou
dd’aspittàri n’amìcu, na prisènza
du crìsciri a spìzzichi e mmuttùna
ddu fàrisi dumànni pi capìri
dda vita facciòla ca ti strangulìa

su’ cosi ca canuscìu
ca nun canùsciu cchiù
comu dd’acèddi ca nun ci sapìva i nnomi
nfuttìu r’addèi appinnùti pe peri

(io non conosco i nomi degli uccelli / non li catturo e non li vendo / non conosco reti e stratagemmi per ingannarli // a volte, la sera, arrivava uno zio / buttava sul tavolo di marmo corpi neri / chiusi in se stessi, come spose fuggite / e parole che forse ingannavano solo me: // “perché ci afferrate per le ali / ci sciogliete dell’odore che è nostro?” // vidi gli stessi visi che vidi nel viso di mia madre / addormentata in mezzo alla casa / vestita tutta bene, tutta nera / con quel colletto di pelliccia che la faceva sembrare una signora / le labbra col rossetto, i capelli acconciati come per una festa // eppure quell’imparare tuo / quell’attendere un amico, una presenza / quel crescere a come viene / quel cercare di dare un senso alle cose / quella vita che ti strangola // sono tutte cose che anch’io ho conosciuto / e che non conosco più / come quegli uccelli di cui non sapevo i nomi / un mucchio di bambini appesi per i piedi)

Nota: il testo è dedicato al personaggio del romanzo di Amedeo Giacomini Il ragazzo del Tagliamento, un racconto di formazione in cui Daniele, il protagonista, inquieto, ama i libri e gli uccelli, la poesia e le boschine paludose del Tamaresco, affluente del Tagliamento dove Pietro, “il mago degli uccelli”, ha posto il suo capanno per uccellare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...