Davide Cortese: Appartengo …

Sono bellissime queste poesie in dialetto eoliano di Davide Cortese. Ci raccontano di un’infanzia vissuta tra le isole, bruciata dal sole e dal quel sentimento di gioia e di libertà panica che appartiene solo ai bambini. Molti di questi ricordi sono i miei, tali e quali, ed è, forse, la dimensione della provincia, della distanza dalle grandi città, a preservare esperienze simili negli anni e in tutte le parti del mondo; a ripeterle con esatta corrispondenza, come fossero necessarie alla crescita di ognuno.
“Appartengo al vento”… Chi ha visitato le isole Eolie ne ha potuto apprezzare la selvatichezza, la dispersione e la selvaggia irruzione dei marosi e della lava. Facile è immaginare i bambini correre, rincorrersi e nascondersi in questa dimensione di microcontesto, di libera ed esaltante avventura.
Il dialetto di Davide Cortese naturalmente preannuncia la penisola, la punta dello stivale, eppure certe parole sono mie, le comprendo perché le conosco, nel senso della nominazione dell’oggetto… ruvetta (rovi); cieusi (gelsi); maharia (magia); caliàtu (bruciacchiato); mentre altre si arrotondano, prendono già altra forma: raggìna, invece di racìna (uva); varvaròttu al posto di fùngia (mento).
Sono testi  in cui percepisco malinconia e innocenza, che spero questo poeta possa conservare negli anni come pegno di una nudità che non ripara, eppure, in qualche modo, ci salva.

Sebastiano Aglieco

 

EOLIANU

Appartiegnu e cieusi russi, e fìlici, a raggìna.
Sugnu da fogghia tunna du càppiru,
du jancu e viola du ciuri sua.
Sugnu da salamida e du vulcanu.
Appartiegnu o suli,
a rina nìura, o mari, a medusa,
a pùmmici c’un affunna,
all’ossidiana chi tratteni u scuru.
All’isuli mia, o blu.
Iò appartiegnu o blu.
Appartiegnu o luci,
a stati, e ruvetta, e muri.

Appartiegnu o vientu,
a chiddu c’on mori.

*

E O L I A N O

Appartengo ai gelsi rossi, alle felci, all’uva.
Sono della foglia tonda del cappero,
del bianco e viola del suo fiore.
Sono del geco e del vulcano.
Appartengo al sole,
alla sabbia nera, al mare, alla medusa,
alla pomice che non affonda,
all’ossidiana che trattiene il buio.
Alle mie isole, al blu.
Io appartengo al blu.
Appartengo al fuoco,
all’estate, ai rovi, alle more.

Appartengo al vento,
a ciò che non muore.

***

FINU A CHI DURA U SUONNU D’U MARI NIURU

Finu a chi dura u suonnu d’u mari nìuru
i du faragghiùna ci cùntanu a luna
a storia sintùta i ddu mircanti d’umbri
ca i nuvuli carusi chiamanu Suli.
Ci cùntanu a luna i pùmmici
i n’isula c’annammurò o suli.
Ci cùntanu d’u cori sua i fuocu
E d’a vucca i vulcanu chi duna vasàti.
U suli est pàcciu pi idda, dìcinu,
e uarda l’isula cu vavi di luci.

*

FINCHÈ DURA IL SONNO DEL MARE NERO

Finché dura il sonno del mare nero
i due faraglioni raccontano alla luna
la storia udita da quel mercante d’ombre
che le nuvole bambine chiamano Sole.
Narrano alla luna di pomice
di un’isola di cui il sole s’è invaghito.
Le raccontano del suo cuore di fuoco
e della bocca di vulcano che scocca baci.
Il sole ne è folle, le dicono,
e guarda l’isola con bave di luce.

***

MAHARII DI PANI

Luntànu me patri e me matri
fannu maharìi di pani.
Respìranu davanti o furnu
u ciauru buonu d’u tiempu.
U spittàri ciaurìa d’erva janca,
d’artemisia ciaurìanu i ricordi.

*

MAGIE DI PANE

Lontano mio padre e mia madre
compiono magie di pane.
Respirano davanti al forno
il profumo buono del tempo.
L’attesa profuma d’erva janca,
d’ artemisia profumano i ricordi.

***

ANUDA

Tu a sà a schina mia,
tu i sà i dinocchia.
A sà a frunti mia,
u sà u varvaruottu.
Mi sà tutti i idita,
mi sà i nii.
Sà a vucca,
sà u cori.
Tu u sà cu sugnu iò.
Mi sà l’uocchi.
Mi sà i corna
e mi sà a cuda.
Puru vistutu
iò cu tì sugnu anuda.

*

NUDO

Tu conosci la mia schiena,
conosci le ginocchia.
Conosci la mia fronte,
conosci il mio mento.
Mi conosci tutte le dita,
mi conosci i nei.
Conosci la bocca,
conosci il cuore.
Tu lo sai chi sono io.
Mi conosci gli occhi.
Mi conosci le corna
e mi conosci la coda.
Anche vestito
io con te sono nudo.

***

NUAUTRI

‘Nni criscìmmu viviennu acqua i cielu,
cumu all’àrbiri.
Masticànnu u pani caliàtu
ca quann’erimu nichi
ìamu a pigghiàri
‘nfunnu o furnu,
arridiennu.

‘Nni fìcimu ranni a forza i scalìddi e spicchitedda,
tòtani e oss’e muòrtu,
sganghi i raggìna e ficalìnni.
Acchiappannu i maggiolìni ch’i mani,
pigghiànnu u cannìstru e partiennu pi funci,
iennu a spàraci e babbalàci,
circannu muschiu pi fari u presepiu.
Nisciennu a mascaràti faciennu arsu,
accittànnu giggi cu vinu cuottu.
Sutt’a lòggia ‘nni mparammu qual era l’ura
c’o suli tincìa u mari i malvasia.
Avìamu a pedda nìura un tizzùni
e currìumu p’a Criesia Vecchia
‘nta luci janca d’a staggiùni.

*

NOI

Siamo cresciuti bevendo la pioggia
come gli alberi.
Masticando il pane biscottato
che quand’eravamo bambini
andavamo a prendere in fondo al forno
ridendo.

Siamo diventati grandi a furia di scaliddi e spicchitedda,
totani e ossi di morto,
grappoli d’uva e fichi d’India.
Acchiappando maggiolini con le mani,
prendendo il canestro per andare a funghi,
andando in cerca d’ asparagi e lumache,
cercando muschio per fare il presepe.
Girovagando mascherati facendo baldoria,
accettando giggi col vino cotto.
Sotto la loggia abbiamo imparato qual era l’ora
in cui il sole tingeva il mare di malvasia.
Avevamo la pelle nera come carbone
e correvamo verso Chiesa Vecchia
nella luce bianca dell’estate.

***

Davide Cortese è nato nell’ isola di Lipari nel 1974 e vive a Roma. Si è laureato in Lettere moderne all’Università degli Studi di Messina con una tesi sulle “Figure meravigliose nelle credenze popolari eoliane”. Nel 1998 ha pubblicato la sua prima silloge poetica, titolata “ES” (Edizioni EDAS), alla quale sono seguite le sillogi: “Babylon Guest House” (Libroitaliano) “Storie del bimbo ciliegia”(Autoproduzione), “ANUDA” (Edizioni LaRecherche.it), “OSSARIO”(Arduino Sacco Editore), “MADREPERLA”(LietoColle), “Lettere da Eldorado”(Progetto Cultura) e “DARKANA” (LietoColle). I suoi versi sono inclusi in numerose antologie e riviste cartacee e on-line, tra cui “Poeti e Poesia” e “I fiori del male”. Le poesie di Davide Cortese nel 2004 sono state protagoniste del “Poetry Arcade” di Post Alley, a Seattle. Il poeta eoliano, che nel 2015 ha ricevuto in Campidoglio il Premio Internazionale “Don Luigi Di Liegro” per la Poesia, è anche autore di due raccolte di racconti: “Ikebana degli attimi”, “NUOVA OZ”, del romanzo “Tattoo Motel” e di un cortometraggio, “Mahara”, che è stato premiato dal Maestro Ettore Scola alla prima edizione di EOLIE IN VIDEO nel 2004 e all’EscaMontage Film Festival nel 2013. Ha inoltre curato l’antologia “YOUNG POETS * Antologia vivente di giovani poeti” (con postfazione “live” di Giorgio Linguaglossa) e “GIOIA – Antologia di poeti bambini”(Con fotografie di Dino Ignani. Edizioni Progetto cultura).

Annunci

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...