Rita Pacilio: i singhiozzi della voce

Rita Pacilio, Il suono per obbedienza, Marco Saya 2015

La premessa necessaria per queste poesie è quella che descrive Lino Angiuli nella nota introduttiva: “si tratta di far coincidere canto e parola (…) usare il diaframma come il mantice di un organo e disporsi in atteggiamento ieratico per inspirare la vita e farne corposa vibrazione “.
Ne consegue che la forma è quella robustissima dei 16 versi divisi in 4 quartine. Non concordo con Angiuli quando afferma che “tra inspirare e inspirarsi il passo è breve”. Si tratta, piuttosto, a mio avviso, dell’adozione di una gabbia formale maneggiata con grande bravura entro cui costringere duramente il fiato. Si tratta di far passare questi versi entro la doppia maglia del senso e del suono e vedere come quest’ultimo sia in grado di mantenere viva la freschezza delle immagini, piuttosto che sottoporle alla gabbia toracica della musica.

LA VOCE E’ UNA PIETRA NERA

Billie dormiva anche di giorno
l’alcool lascia segni sulle gote
nel baffo tirato senza grazia
– la riluttanza della fede fallace –

si sdraiava col il corpo senza-corpo
nella stanza infantile dell’allodola
a otto anni sul pavimento del nigth
ingoiava i suoni e le interferenze

si trattenevano i singhiozzi nella voce
alta e nera di seppia. L’eleganza possibile
pettinava le particelle scure della storia
per abbassarle nella parola intima

basta questo per possedere la vita
ripetuta nella continuazione del chorus
laborioso, improvvisato, meditato piano
quando il sole dilata il centro e il suo chiodo.
p.19

Il risultato è ottenuto mantenendo vivo il rapporto tra il verso e il suo correlativo: il testo è sempre in rapporto con la “storia” da narrare, racconto della qualità sonora del musicista, di una minima sua biografia; e infine, della percezione di un dolore variamente pesato nelle invenzioni ritmiche e armoniche.
È proprio in queste suggestioni di biografie accomunate da “un male” comune che Rita Pacilio è capace di stimolare la sua musa, di pronunciare, nei passaggi migliori, parole di pietà e di denuncia, di arresa malinconia e di forza.

Sebastiano Aglieco

Annunci

One thought on “Rita Pacilio: i singhiozzi della voce

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...