dal cellulare

quando demolisci un muro con mazza e scalpello, ti rendi conto di quanta poca resistenza oppongano le parole al gesto. piuttosto si tratta del lavoro di due forze frontali che vogliono imporsi come vessillo, come compito  della de/costruzione del mondo. solo dopo la parola può essere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...