Carla Bariffi: è l’altezza la cura del male

Carla Bariffi, GEOGRAFIA DELL’ALTROVE, Terra d’Ulivi 2016

WP_20160419_09_46_12_Pro

Il lago visto dall’alto, gli animali, il trascorrere del tempo, la casa, il giardino, i pensieri in sintonia e distonia … questi i temi del nuovo del nuovo libro di Carla Bariffi.
I testi si presentano in successione, due per pagina, senza alcuna divisione interna, non sembrano essere interessati a mostrarci una struttura, i capitoli di un romanzo. Sono, piuttosto, dislocati lungo il percorso di un binario circolare – quello del lago e delle sue stagioni – e così procedono per improvvise ed occasionali illuminazioni, sempre scaturite dalla vibrazione emotiva e sensoriale.

Elettricità, nell’aria
sui corpi cristallizza in respiro
– esplode il temporale –
Ti tengo nella mano
mia grandine improvvisa.
p. 46

Direzioni diverse
tagliano il cielo.
L’orizzonte rimane lo stesso.
– Il lago è incendiato di blu,
accoglie i nostri corpi come un’ostia –
p.14

Sono, dunque, testi “veri”, nel senso di corrispondenti a un progetto interiore, di conoscenza di se stessi attraverso l’immersione nel panico naturale, nel grembo, nella promessa di un Nulla per niente interessato all’umano, alla pietas. Piuttosto è la parola che si fa portatrice di pietas, parola rivolta verso noi stessi, per guarire la nostra incapacità di sentirci in sintonia con le voci, col respiro, con l’appartenenza.
Spesso leggiamo di lacrime scaturite proprio nel momento in cui la consapevolezza del perduto, di un pensiero ancestrale che ci rac/coglie solo a tratti, improvvisamente abbassa le difese dell’io mostrandoci il nostro abbandono, la resa.

Così largo il pianto
e lento di noi il sapere dove
fermare l’ansito
potere scioglierci.
p. 13

Carla Bariffi, a un certo punto di questo diario di segni naturali, di geroglifici, cita “Memoria” di Rimbaud: “La corrente d’oro in movimento, / muove le sue braccia nere e pesanti…”; chiosando successivamente: “Penso all’acqua chiara / di una memoria nuova”, p. 16.
Quest’acqua, che per Rimbaud è il laghetto fangoso di un parco cittadino, qui è proprio il Lario coi suoi anfratti scurissimi, le sue imprevedibili bufere, le brume, il quietarsi nei riflessi del sole in controluce.
È il luogo, dunque, lo scenario partecipe delle ferite del pellegrino che sale il monte per raggiungere la casa, tutti i fine settimana. La casa è desco e santuario nello stesso tempo, finestra spalancata verso l’esterno, luogo chiuso di meditazione frammentata e improvvisa.

Esiste una luce diversa
quando il crepuscolo scivola ed entra
dalla finestra socchiusa
– accarezza gli oggetti in silenzio –
li inebria di un corpo che pulsa.
È la luce degli avi.
p. 33

Radunare
le briciole del giorno
quando calma si fa sera
e la casa resta l’argine lontano
condiviso nel silenzio.
p. 19

La penna a sfera
giace sulla credenza
accanto al suo inchiostro notturno.
Preferisco la matita.
p. 15

È così grande la casa
quando soli
la viviamo.
Il suono propaga orizzonti
sul lago di fronte
Lo spazio – dal tonfo di neve
delle mie stanze.
p. 25

In questo discorrere nella mente del tempo delle stagioni, gli avvenimenti si dispongono come i tasselli di un puzzle, suggerendoci l’immagine di una presenza che si cela dentro gli occhi di un animale, in una pianta, nel volo di un uccello, nelle intuizioni di una riflessione improvvisa:
Così a volte vediamo un essere ferino che ha gli occhi infuocati del sangue e della vita:

Fissa gli altri gatti col suo sguardo malato
di fronte al banchetto
– il sangue è un grumo al muso –
Le mosche lo circondano, ostinate
ma più ostinato è il rosso del suo pelo,
l’illusione del suo desiderio.
p. 17

Improvviso, lo colsi
afferrare il pane secco
nel buio intermittente della notte
sagoma bianca striata sul muso
lungo come il viottolo deserto.
È bastato un fruscio sotterraneo
a dileguare la sua occulta presenza.
Il gatto lo osserva con me
senza muovere un pelo.
p. 57

Uccelli come presenze dell’anima, come i primi pensieri del mondo:

Cerchi ampi
circoscrive la poiana
poi di colpo cambia rotta
esorta la mente a deviare.
La traiettoria dell’occhio la segue,
scompare.
p. 36

Il lento pensiero delle essenze vegetali; e la presenza che le abita:

Il noce si è intrecciato col limone
– l’aria è pregna del giallo dei cedri –
In questo giardino di ulivi
i pini sono quieti
e un canto di civetta
scandisce ogni mezz’ora.
Son qui, ad alleggerire ogni pensiero,
affondando nell’azzurro ogni mia fibra.
[il San Martino
accanto].
p. 45

Sei nel fiore del sambuco
e nel prugno che lento matura
nel grano che sale, nel ciclo lunare
che piano riverbera dentro.
p. 55

Le intuizioni monacali:

La memoria lascia buchi dolorosi
dentro la membrana
il lago distende il pensiero
la ruga profonda tra gli occhi.
È l’altezza
la cura del male.
p. 9

Testo, dunque, che si alimenta delle sporgenze e delle rientranze del magma, senza un centro, ascrivibile a un poeta del pianeta Nettuno dove, si dice, tutto sia acqua e forse sogno di una vita diversa, di una cosa chiamata terra.
Sebastiano Aglieco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...