Buon Natale

Questo testo in siciliano è tratto da un libro nuovo che forse verrà ed è la traduzione di un capitolo del poema di Corrado Bagnoli “Casa di vetro”, edito da La Vita Felice, che riporto di seguito. E’ la scena di una nascita, la promessa di una nuova nascita.
Un Buon Natale a tutti.

Sebastiano Aglieco, Libro magico, tecnica mista
Sebastiano Aglieco, Libro magico, tecnica mista

 

*
a fudda si stracca
a currùtu rarrèri a stidda
a rrivàtu a casàzza supr’abbalàta
a iinchiùtu a tuttabbànna

nun parèva cchiù notti
macàri i piccirìddi currèunu
comu s’avìssi n’autra vota agghiurnàri
i nanni e i picuràri taliàunu u celu
tagghiàtu a mmenzu ri na luci forti
ca facìva purtùsi a notti, a scancillàva

a nimàli cuccàti, stracchi
coccarùnu cu ll’occhi a biccàri u sciàtu
ca facìva ddisègni ri nèggia nall’àriu friddu

cià va statu burdèllu
nu subbra e sutta ri furistèri
uci e strèpiti nna trazzèra
ca finìva e rutti, a stadda
nciùmi scumminàtu ri scrùsciu, ri pinzèri
c’arrivàva unn’era u chianu
e stutàva u càuru e a firnicìa

tuttu ri ncoppu nuddu ciàta
uòra stu sciùmi ri ggenti s’accabbàu
sutt’a stidda
sutta stu tettu ri vaddùni ca uòra è casa
i fìmmini stìnnunu nciràti e panni
ancucchiàti nne vistìni
ammùcciunu i figghi o friddu
i figghiòli lassàti iri supra i rinòcchia
a capa appuiàta o tempu ro munnu ca i figghiàu

cchiù a rassu re luci, re tizzùni, ra cìnniri
u scuru vincìu macàri a fozza ri l’òmmini
ca ne cappèddi ancuòra vìrunu a luci ca i puttàu

iddu u sapi
iddu sulu nun dormi
u sapìva ca sa va rricampàri
a va vìriri chiddu ca va sbanniàtu
cùrriri ancuòra a stissa strata tra celu e terra
a va spittàtu ddu iòrnu cu idda, nzèmmula
a va spittàtu ca nascìva ddu segrètu
ri quannu a ìu a truvàri nna dda casa pòvira

uòra ca tutti, stracchi, rummìunu
si ni stava na n’àngulu ra stadda
a cuntrullàri u sciàtu ri idda
u so corpu moddu nna pagghia
i vistìni c’antuppàunu u piccirìddu
e aspittàva

ggià matri a va canusciùtu
quannu trasìu na dda pòvira casa
uòra aspittàva ca fussi ancuòra cchiù matri
ddopu u dulùri ri quannu accattàu
quannu ddu sì ca rissi a ddu iòrnu
era nu sciàtu nne so frazza
quannu ddu sì ca rissi ddu iòrnu
avìssi avùtu i so minni pi crìsciri
quannu du sì unn’era cchiù sou

era ri tutti

(Sebastiano Aglieco, inedito)
***

La folla si stanca. Ha inseguito la stella, raggiunto
la baracca appoggiata alla pietra. Tutt’intorno
ha riempito lo spazio. Non era più notte. Persino
i bambini correvano come se il mattino stesse
per iniziare di nuovo; i vecchi e i pastori
guardavano il cielo attraversato da un giorno
che bucava la notte, cancellava la notte.
gli animali giacevano stanchi, qualcuno
con lo sguardo ad inseguire il fiato che diventava
arabeschi di nebbia nell’aria fredda. C’era stata
agitazione, un accalcarsi di gente straniera,
urla e grida sul sentiero che portava alle grotte
e alla stalla: un fiume scomposto di rumori,
di umori che arrivava lì sullo spiazzo
e spegneva la sua foga e il suo impeto.
Improvvisamente appagato. Ora il flusso
si è interrotto. Sotto la stella, tutt’intorno
a quella che ora è una casa, le donne hanno steso
panni e stuoie. Tra le loro vesti nascondono
i figli al freddo, i figli abbandonati
sulle loro ginocchia, con la testa appoggiata
al tempo del mondo che li ha messi al mondo.
Più lontani dai fuochi, da quello che di loro
è rimato, la notte ha vinto anche la forza
degli uomini che nei loro cappelli vedono
ancora la luce che li ha guidati fin lì.
Lui lo sa. Lui solo non dorme. Sapeva di dovere
tornare. Voleva tornare a vedere quello
che aveva annunciato, riempire ancora la distanza
tra il cielo e la terra. Aveva atteso quel giorno
insieme a lei, aveva atteso che il segreto nascesse
fin da quando la visitò nella sua casa modesta.
Ora che tutti erano vinti dalla fatica e dal sonno,
stava in disparte dentro la stalla. Vegliava
il respiro di lei, il suo corpo molle sulla paglia,
le sue vesti che coprivano il bambino. E attendeva.
L’aveva conosciuta già madre quando entrò
nella casa modesta. Attendeva ora che fosse
ancora più madre, dopo il dolore del parto,
quando il sì detto quel giorno, avrebbe respirato
nelle sue braccia. Quando il sì, pronunciato
quel giorno, avrebbe avuto il suo seno per crescere;
quando quel sì sarebbe già stato non più suo.

(Corrado Bagnoli, tratto da “Casa di vetro”, La Vita Felice)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...