Segnati a matita: Chiara Rolandi

CHIARA ROLANDI

Poesie

I quaderni dell’Ussero, puntoacapo, Pasturana (AL) 2014

Si sente, in questi testi, una qualche vicinanza alla poesia di Giampiero Neri, avvertibile per due ricorrenze: brevità quasi sibillina e interesse scientifico.

La “naturalità” adattata come musica, origina una poesia scostata dal milieu antropologico, perché il tramite della significanza metaforica è qui l’occhio stesso che guarda e annota per conoscenza empirica, e, infine, per riconoscenza.

Il dato poetico stesso è quindi mediato dalla “freddezza” letteralmente siderale delle stelle, il freddo che ci contiene e al quale torneremo.

Sono pochissimi gli oggetti antropologici descritti in queste poesie, perché la stirpe umana appartiene alla stessa sostanza della foglia, che è espressione, anch’essa, della materia stellare. Così, la conoscenza empirica finisce col corrispondere con uno stato di grazia conoscitiva che appartiene all’ambito speculativo della poesia e della preghiera; nella forma della contemplazione del mistero perfetto che abita tutte le cose.

Sebastiano Aglieco

recensione apparsa su IL EGNALE 101

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...