Un’antologia di Meeten Nasr

MEETEN NASR
Scorre il giovane tempo
La Vita   Felice, Milano 2014

scorre-il-giovane-tempo-231716

A voler considerare un nucleo propulsivo nella poesia di Meete Nasr, indicherei senza dubbio il viaggio, un viaggio che porta verso innumerevoli direzioni e che corteggia la viandanza, il girovagare persino in posti minimi, vicinissimi.

Ma è un girovagare che investe anche la struttura formale del libro, tutto costruito su un difficile equilibrio tra forme chiuse, (per esempio il sonetto) e un defluire del sentimento verso il delta dell’elegia. Assai evidente appare, soprattutto nella prima parte del libro, l’utilizzo di un’aggettivazione sovrabbondante, la quale ci segnala un turgore dell’esperienza, un colorismo coincidente con la molteplicità della giovinezza.

Questa forma che si espande, trova il suo punto di forza e di momentaneo abbassamento formale in alcune prove della sezione “Atlante del nomade”, passaggio più meditato e riuscito della poesia di Meeten Nasr, si veda il testo “Lucciole”, in cui colpisce la pressoché assenza di aggettivazione, se non quell’ “abbagliante”, a dire l’atmosfera di una scena notturna dove, per meditazione, ogni cosa, nella prima sera, illuminata dai lampioni, si palesa.

Rimane, tuttavia, come musa, la tendenza a descrivere le occasioni, anche in funzione di un resoconto del viaggio della propria vita – in questo senso, l’erotismo evidente va inteso come deflagrazione della memoria in brevi istanti di compimento -.

Ed è tutto da comprendere, allora, il senso del titolo ” scorre il giovane tempo”, come a segnalare non la perdita “tout court”, della vita che si disfa in attesa di un nuovo inizio, ma proprio il tempo della giovinezza, dei suoi vessilli e del suo splendore, l’unico tempo della vita che, forse, valga veramente la pena di offrire al dio del Nulla che ci abita.

Sebastiano Aglieco

pubblicato su IL SEGNALE, percorsi di ricerca letteraria,  numero 101 

Alcuni testi QUI

Annunci

One Reply to “Un’antologia di Meeten Nasr”

  1. Grazie Sebastiano per queste tue acute e puntuali riflessioni sull’Antologia del poeta Meeten Nasr, nato a Pesaro da madre sefardita. Il 22 febbraio 2008 ebbi modo di conoscere qui a Roma Meeten in occasione della presentazione della plaquette Atlante del nomade, LietoColle 2005, presso la libreria OdradeK. Una serata ricca di suggestioni e spunti di riflessione insieme anche ai relatori Francesco Dalessandro e Domenico Vuoto. Ricordo la data perché Meeten mi scrisse una bella dedica…, bello anche il tuo riportare poesie di Meeten uscite tempo fa sul blog “Poesie senza pari” di Francesco Dalessandro.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...