Enrico Marià: così macella il mondo …

Enrico Marià, COSA RESTA, puntoacapo 2015

71503_328289183952459_1089853738_n

… Cosa resta, dunque, alla vita che si è addobbata dei suoi stessi vessilli? Si potrebbe rispondere che la vita non ha domande a cui rispondere, troppo intenta nel forsennato compito che la trascina verso la conclusione. E se alla vita spetta l’ubbidienza, costi quel che costi, al poeta, allora, e solo al poeta, l’onere della parola riassuntiva prima che sia troppo tardi. La poesia, infatti, s’insinua pericolosamente proprio negli anfratti di un tempo vuoto, di un tempo di attesa che vuole essere detto.
Così Enrico Marià in questo libro riassuntivo di una fase della vita, si mostra impegnato nel compito di dire, con tutto l’ordine necessario, la successione dei fatti; quasi ripetuti a memoria e trasposti nell’ordine della forma che la poesia esige. Si tratta di testi straziati dall’esperienza, eppure necessari proprio per capire l’esperienza stessa e attraversarla.
Enrico Marià, dice Mauro Ferrari nella presentazione, compone una poesia “si diaristica, fondata su una certa immediatezza del dire che sa di cronaca (…) ma anche una poesia che raggiunge alti risultati trovando un equilibrio precario e rischiosissimo tra giornalistica registrazione di fatti ed estrema compressione dei versi”.
Personalmente mi interessa molto questo equilibrio precario, perché la poesia non è mai una lingua consolatoria ma un organismo che pulsa avvertendo il pericolo dell’esistere a contatto, lacerata e nutrita dall’esperienza degli altri.
Questo è quindi un libro che nei suoi sotterranei richiama gli altri, li evoca alla stessa esperienza comune di corpi offesi e di canti che ci sollevano sopra le nebbie del dolore. Eppure, a suo modo, è anche un libro innocente e delicato; la censura, infatti, non è praticata in nome delle cose da dire ma del come dirle, perché risaltino senza ipocrisia e patetiche assoluzioni.
La poesia è specchio che trattiene e riflette ciò che delle cose segrete siamo disposti a svelare e ad affidare alla voce degli altri. Sono proprio gli altri, conosciuti o sconosciuti, a portare le parole verso la dimensione collettiva dello sguardo; persino le ombre che si palesano in forme minacciose o in scene brevissime che la memoria a malapena può trattenere. Ecco perché occorre che la forma sia come un bisturi affondato nelle parole per ferirle e renderle più splendenti.

Sebastiano Aglieco

TESTI QUI

Annunci

One thought on “Enrico Marià: così macella il mondo …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...