La scatola sonora 25

Probabilmente i contemporanei di Vivaldi non avrebbero apprezzato la lentezza dell’esecuzione ma a me piace molto e, come si sente, a dispetto di quelli con la puzzona sotto il naso, piace anche al pubblico. Non è detto che i contemporanei capiscano tutto di un’opera d’arte, che è oggetto sfaccettato e capace di emanare senso anche a distanza di tempo e di spazio. E a me piace pensare che un’esecuzione dia più informazioni di noi stessi e del nostro tempo che dell’opera, la quale rimane tale e quale e ha bisogno di essere riletta tutte le volte che se ne senta la necessità e la bellezza; dopodiché essa ritorna nell’oscurità, pronta ad essere illuminata negli anni che verranno. A che serve un’opera d’arte, se non serve l’umanità? Questa la tradirà, come deve essere, ma solo per il tempo necessario a noi, al nostro stesso tradimento. Non ad altri. Neanche al suo stesso autore appartiene totalmente un’opera d’arte.

Annunci

2 Replies to “La scatola sonora 25”

  1. ci sono degli archi, nella musica di Vivaldi, che ogni volta mi fanno rabbrividire !

    un saluto a questa dimora del suono e dello spazio, sublime e bianco …

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...