Marco Bellini su un libro di Paolo Pistoletti

In un precedente post, Paolo Pistoletti leggeva un libro di Marco Bellini. Ora è Marco Bellini a leggere Legni, in uno scambio che avviene per consonanza, come sempre dovrebbe essere quando i poeti si leggono. E’ spesso la vicinanza a risolvere i nodi irrisolti della comprensione, le ragioni più intime della propria scrittura; un modo di fare critica che personalmente ho praticato e continuo a praticare con la massima naturalezza, senza aspettarmi nulla in cambio. La poesia, allora, si veste dell’abito del corpo di chi l’ha accolta, ne mostra i segni forti e quelli deboli. Perché non credo molto alla poesia staccata dai poeti; la poesia è il  corpo e anche ciò che lo trascende, che lo mostra in una luce a parte, come un po’ in lontananza. Mi rendo conto che parlare di fratellanza nella vasta comunità dei poeti, è cosa pericolosa, ma, certo, si tratta di una fratellanza nella scrittura, nella capacità di riconoscere la qualità dell’altro, malgrado le differenze e magari provare a leggere, nell’altro, qualcosa che intimamente ci appartiene.

Sebastiano Aglieco

***

Paolo Pistoletti, LEGNI, Ladolfi 2014

Paolo Pistoletti attraversa le proprie giornate con passo regolare, si offre lasciandosi toccare, è contaminato dalle persone che lo occupano e dallo spazio che lo ospita. Così origina l’humus, destinato a un processo di fermentazione, in grado di alimentare una voce sorgiva e un precipitato denso e pronto per ulteriori germinazioni. L’autore di “Legni”, alla sua opera prima, ci presenta una scrittura pacata, dal tono basso, in cui frequente è il ricorso alla similitudine quale figura attraverso cui far percepire i punti di contatto tra oggetti e viventi appartenenti a contesti e aree semantiche diversi, ma in ogni caso, partecipi dello stesso reale. Le liriche appaiono quasi pervase da una calma che dispone il lettore all’ascolto e alla condivisione che si fa misura / confronto del nostro essere nel mondo. La stessa condivisione è favorita dalle tematiche trattate: i rapporti con i propri cari (moglie, figlia, genitori) e l’ambiente domestico, dove si percepisce una sospensione dell’aria al cui interno vibrano piano sia le persone che le cose, in un movimento circolare capace di avvolgere e proteggere. Il poeta traspone nel legno, assurto a vera e propria entità pulsante, le dinamiche comportamentali degli esseri umani: E quanto / tutto questo asciugarsi di legni / ci somiglia e ancora: e la legna che siamo s’è spenta; al punto che esso, presenza costante nel corpus dell’opera, viene chiamato alla partecipazione discreta, ma attiva, nei processi relazionali che hanno vita tra le mura domestiche, e rispetto ai quali riveste un ruolo, diremmo quasi, di figura archetipica e dialogante: sembrava che a parlare fosse / il ciocco di legno che sta al mio posto / quello che esala sonno come fumo. Compiendo un ulteriore passo, potremmo dire che, in alcune poesie, assistiamo a un “sincretismo” tra il mondo naturale e quello umano; processo, questo, decisamente acclarato quando si prende in esame la figura del padre, il quale, ad esempio, viene rappresentato come un’onda creatrice di vita: E laggiù oltre il blu mio padre / che con la schiuma sui capelli / è l’onda più grande che c’è / che ha fatto come due gocce me e mio fratello e, nella lirica Bosco, viene incarnato in forma di albero (ancora il legno). È interessante notare che l’autore, nel descrivere la scomparsa del padre, ricorre nuovamente al sostantivo “onda”: La sera del derby di Milano / un’onda accesa da dentro / l’ha portato via dalla poltrona / come un fiume contromano. Rimane, comunque, la casa dove nascono e vengono esperiti i gesti che diventano espressione dell’intimo appartenere a un sistema di affetti avvolgente e vivificante; il luogo / teatro che muove la scrittura di Pistoletti e coagula, sul proprio palcoscenico, le parole, i versi, le poesie. A fare da contraltare emerge, evidente, la difficoltà ad affidarsi al mondo e alle sue incognite; di qui, l’immagine del proprio corpo come ambiente dove si compie la solitudine: “mentre io qui fermo tra tempia e tempia”. Da parte del poeta traspare il bisogno di scoprirsi, di riuscire a mettere a fuoco, anche di fronte alla proprie interrogazioni, le luci e le ombre che lo rendono ciò che è: “Ho provato a vederci chiaro / come un piatto appena lavato / ho chiamato tutto il corpo fuori”.

Marco Bellini

Annunci

5 thoughts on “Marco Bellini su un libro di Paolo Pistoletti

  1. C’è davvero molta invidia e scorrettezza nel mondo dei cosiddetti (o sedicenti) poeti; a volte si tratta di persone che indossano la maschera della sensibilità e della generosità, ma ( e faccio esclusivo riferimento alla mia esperienza personale) non ci vuole poi molto tempo perché la maschera cada, rivelando un volto congelato nel ghiaccio dell’egoismo e del narcisismo; altre volte, invece e per fortuna, l’incontro con un libro è anche incontro con la persona e avvio di un’amicizia. Grazie a Marco Bellini e a Paolo Pistoletti per questa reciproca lettura, grazie a Sebastiano Aglieco per la sua sincerità.

    Mi piace

  2. Sono d’accordo con Antonio e anche io ringrazio Marco, Paolo e Sebastiano. Questa lettura di Legni è un’ottima traccia da cui partire per dedicare un’attenta lettura al libro dell’amico Paolo che ho lì, sul mio comodino, e attendo il tempo migliore per potermi ad esso dedicare.
    Un caro saluto a tutti

    Mi piace

  3. Come già detto in privato a Paolo, il suo libro “Legni” rientra nella cerchia dei libri più belli letti ultimamente.
    Davvero elevato il numero delle poesie riuscite, specialmente nella prima parte: davvero splendide.
    Con ciò, come giustamente afferma Sebastiano, dalla poesia e dall’attenzione reciproca a volte nascono corrispondenze di inaspettata bellezza. Grazie.
    Nino

    Mi piace

  4. Il libro di Paolo Pistoletti è davvero una delle sorprese più interessanti e belle tra i libri di poesia che ho letto negli ultimi tempi. Ho sottolineato nel libro molti versi e capita raramente che lo faccia: c’è in questo libro, come dice a ragione Marco Bellini, una specie di quiete o sapienza antica. Ci sono cose piccole che fanno azioni grandi e parole grandi che si riaccendono facendo cose piccole, cito ad esempio: il paesaggio dalle persiane/s’è posato piano nel mio appartamento/a fare silenzio. La sapienza del libro è in certi apparentemente semplici passaggi ( è cresciuto come un bosco mio padre/giorno dopo giorno oppure /Mia figlia quando sto in burrasca/ e tanti altri) ma non c’è una posizione umana minimalista, anzi è vero il contrario: sebbene siamo paglia, dice l’ultima poesia, ci scorre come l’eterno tra le dita. Un libro semplice e forte, sapiente e umile che ci fa compagnia con la sua discrezione e con la forza di quel fuoco che /si accende dentro davvero/e allora come torce/si esce fuori dal cono delle nostre ombre…a ringraziare per tutte le cose. E’ questa la forza e la grazia di legni: accoglienza e custodia delle cose, gratitudine e poi offerta dentro parole che sentiamo vere.
    corrado

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...