Manuel Cohen su COMPITU RE VIVI

Su VERSANTE RIPIDO, Manuel Cohen firma una panoramica della poesia neodialettale in Italia. Lo ringrazio per l’attenzione rivoltami ma chiaramente è interessante dare un’occhiata a tutti i poeti di cui si parla.

EDITORIALE

I POETI

SEBASTIANO AGLIECO

IF

immagine tratta da VERSANTE RIPIDO
L’affondo recente nel dialetto d’origine di Sortino, nel siracusano, di Sebastiano Aglieco, autore in lingua tra i più raffinati della sua generazione, ricorda una analoga esperienza che nel 1990, dopo la scomparsa del genitore, spinse al recupero della lingua madre un raffinato poeta e critico del Secondo Novecento, Achille Serrao. I due poeti sono idealmente accomunati da almeno tre elementi extra-testuali: 1) il fattore scatenante: la perdita genitoriale; 2) l’approdo al dialetto in età matura; 3)la distanza fisica dalla lingua madre, non praticata perché i nostri vivono altrove. Un quarto dato poi: la comune radice meridionale. La potenza icastica dei testi di Aglieco, a cui non è estranea una coltivata frequentazione dell’arte pittorica, assomiglia in tutto a una regressione psichica, al ritorno a un immaginario che l’occhio dell’infanzia, in una zoomata retrospettiva, rende ancora più remoto: tra immagini plastiche in movimento drammatico e stagliate figure ieratiche, quasi archetipi, o totem: «Chiama da un fosso, un groppo di / tamburo che sprofonda il sangue/ giungi dal fianco e le tue / mani mi afferrano. / Vienimi incontro / apriti una strada negli occhi / nel pianto scuro delle bocche. / Nera, come ti vidi, come non / ti piansi; stellata. / Le braccia sentono il peso / i nomi divorano chi chiama. / Queste furono le spade: bestemmie che / fanno urtare pietra e cielo.» (Matri njura, Madre nera), il movimento delle mani che imprime verticalità alla azione, con chiari riferimenti alla sfera del sacro e della religiosità popolare, di fatto suggerisce un più ampio scontro planetario, tra materia terrestre e sfera celeste, il tutto nella incombenza del nero luttuoso e della luminescenza della Madre. La potenza della poesia di Aglieco risiede anche in questo: una miccia di visionarietà estrema, iperrealistica e allegorica. La riattivazione di una lingua, recuperata a memoria e non più parlata, che produce una nuova vampa mitopoietica, riattiva visioni archetipiche, rimossi primordiali: percorrendo una linea verticale, alle scaturigini di una dimensione tragica non riconciliante.

Manuel Cohen

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...