La scatola sonora 1

Alessandro Scarlatti ha scritto tantissimi oratori. Questo è sicuramente il più famoso e quest’aria, in particolare, turba per il suo fascino di malinconia e di sensualità nello stesso tempo. Fra poco si sarà un taglio della testa, ma, ecco, una specie di ninna nanna dolcissima, di sonnifero per rendere più sopportabile la morte.

Annunci

4 Replies to “La scatola sonora 1”

  1. eh sì! Il barocco può riservare grandissime sorprese e vorrei che in questo spazio si sentisse anche un po’ di musica. In fondo è sempre la musica di Orfeo, quella che la poesia non può avere più…

    Mi piace

  2. E’ vero! La musica è una forma altissima di espressione artistica e questo brano accompagnato da immagini bellissime infonde serenità e mestizia al tempo stesso, ci induce all’abbandono, ad abbracciare per un lungo momento l’universo.

    Mi piace

  3. In effetti è un’aria particolarissima, anche nel repertorio delle arie barocche, direi: un misto di serenità e di sensualità…ma anche di sottile malinconia e pena. Mi ha sempre turbato da quando l’ho scoperta.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...