Saragei Antonini, La sedia su cui siedo

Saragei Antonini EGREGIO SIGNOR TANTO, CFR 2013

sarageiAl signor Tanto, un personaggio che dà il titolo questa raccolta, è indirizzata una lettera in cui si dice che questo signor Tanto è andato a vivere, finalmente, in una stanza al buio. Forse egli è un musicista che ha perduto l’udito, qualcuno che si è ammalato nel corpo, non lo sappiamo. La lettera sintetizza, infatti, lo stile surreale di questa scrittura e ci aiuta, però, ma lo capiamo ad ogni angolo di pagina, a delimitare l’immaginario poetico di Saragei Antonini; dico “delimitare” proprio perchè è una scrittura che utilizza il campo semantico della casa – oggetti, situazioni, persone in ombra – preoccupandosi spesso di scongiurare qualcosa che potrebbe avere il nome di perdita, di irruzione.
Il libro sembra quindi passeggiare tra cose e microstorie reinventandole con l’occhio sognante di un’Alice che tuttavia non ha mai abbandonato la sua stanza e non si è avventurata nel regno periglioso del bianconiglio e della regina di cuori.
O forse è un’Alice che è tornata dal viaggio, che ha preso ciò che era necessario prendere e invece di perdere l’infanzia ne ha trasferito lo sguardo alla vita, per non permettere alle cose di morire.
Così, vedere, sembra essere operazione da svolgere inforcando occhiali da fanciullo, per inventare finali e forme, per proteggere la casa e i suoi abitanti, mentre le cose sono, stanno accadendo veramente.
Perchè c’è Una di cui non si può dire, che non si può addolcire del tutto. È Una che non può avere casa perché “non ha tempo per andare a casa”, anche se ha tanti che si occupano di lei, e “tante e tante (sono le ) storie da raccontarle”.
Come si vede, sono parole che la voce di questo libro rivolge a un tu, e amo immaginare che questo tu sia un bambino piccolo al quale bisogna presentare la Signora con le parole delle favole, con lo scongiuro che essa possa viaggiare lontano e non avere il tempo di entrare in una casa.
Ma questo tu è anche l’altro, il tu senza cui non ci può essere poesia, perché il monologo è solo del signor Tanto che si è chiuso in una stanza buia, mentre la poesia, per essere tale, ha bisogno di essere rivolta, “vorrei spezzare una poesia per te”.
Qui, a volte, la poesia è voluta cantilena, filastrocca, come un gioco che non c’impegni molto, una festa da tenere sempre viva per la sopravvivenza, perché tutte le candele della casa rimangano accese per il gioco, per noi stessi che una volta siamo stati bambini e ci vergogniamo di dirlo.
Sebastiano Aglieco

ALCUNI TESTI QUI

Annunci

2 Replies to “Saragei Antonini, La sedia su cui siedo”

  1. leggo e rileggo – e il primo coniglio che esce dalla mia mano si chiama Grazie – grazie Sebastiano di tutto questo: del tempo – della pazienza – della tua immersione – della riflessione direi sorprendente – è un mondo strano quello di Alice – tra le favole più inquietanti per me –

    il viaggio che ho fatto con l’egregio signor Tanto è stato di perdita – solitudine – mancanza – morte –
    la si può chiamare Signora o Una – e un viaggio fatto di nomi – e come hai scritto tu di scongiuri e irruzioni – aggiungo anche di paura – quella paura curiosa di attraversarsi – fino forse a voler “giocare” seriamente – per me è grazie ad un contattto con l’infanzia che non si ha vergogna di essere stati bambini nè di piangere oggi – e intendo il pianto di gioia e di dolore – e il sorridere anche al niente – ma non so se esiste il niente o esiste come tutte le cose – e forse essere adulti è anche non smettere di essere bambini –

    la casa che si vede o si sente lungo la raccolta è la casa che sono – che non ho finito di costruire –
    che forse non finirò ma non importa –
    basta una luce – un particolare buio – qualcosa visto per strada – qualcosa sentito nell’appartamento accanto – e per qualche miracolo mi sento casa – ci vuole molto udito –
    e aggiungo per quelle quattro cose che mi accompagnano nella vita – quattro cose possono diventare anche quattro pareti – la scrittura pensa al tetto e al soffitto che vedo dentro –

    dalla tua lettura sono usciti molti conigli – non so se c’è qualcosa di Alice in questo libro ma trovo molto interessante e curioso quello che hai visto tu – e questa è per me una delle cose belle della poesia –
    può appartenere a tutti e appartenere a nessuno –

    grazie!
    e grazie ai bloggers lassù!

    Saragei

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...