Tutto il dialetto di Giuseppe Samperi

Giuseppe Samperi, Dialettututtu, edizioni cofine 2014

samperi“La poesia tutta è lingua della non comunicazione”: Giuseppe Samperi in una nota a “Dialettututtu”. E sembrerebbe affermazione sconcertante considerando il fatto che il dialetto è lingua diretta, senza orpelli, radicata nella parlata, consustanziale alle cose che si dicono e si pensano, quasi sempre senza possibilità di scampo. Tutta la polemica contro il cosiddetto minimalismo, la tendenza, cioè, ad abbassare il tono, quasi riducendosi alla nominazione pura, dimentica gli effetti concretissimi del dialetto, il legame indissolubile con le cose, col pensiero che si fa concretezza e altro non desidera, fuori dalla realtà bruta del mondo.

Eppure il concretissimo Samperi intuisce che le cose non sono la lingua ma è la lingua che le accoglie: “su chiovi na cirasa po spuntari / a paggina unnici”, “se piove una ciliegia può spuntare / a pagina undici”. Forse in questo senso è da intendersi anche il neologismo rafforzativo che contraddistingue questa raccolta vincitrice del premio Ischitella 2014, così come la tendenza a fornire, in traduzione, varianti dello stesso lemma, a sottolineare la presenza, nel dialetto, di sfumature non riducibili a una sola voce, tratto già messo in evidenza da Mario Grasso a proposito di “Sarmenti scattiati”, il libro di esordio di Samperi.

continua a leggere qui

Annunci

One thought on “Tutto il dialetto di Giuseppe Samperi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...