Pentelite, scritture letterarie di Sicilia: un mio scritto

pentelide copertina

 

Segnalo un mio scritto nell’ultimo numero di PENTELITE:

LO SPAZIO BIANCO DELLA SOLITUDINE

Alcuni passaggi:

… Ci sono motivi storici importanti dietro la censura non dichiarata del silenzio: innanzitutto l’illusione che la parola possa farsi, fuori da se stessa, baluardo di un rassettamento sociale, di una giustizia che né la politica né la cultura sono oggi in grado di esprimere. Se bisogna vestirsi per la rivolta, bisogna sacrificare col sangue la propria piccola compostissima musa fanciulla?

… La differenza che passa tra il pensare di cambiare il mondo scomponendo i codici verbali, sbeffeggiandoli, ricreandoli in altra forma (obiettivo delle avanguardie, per sintetizzare) e utilizzare il linguaggio del mondo intensificandone al massimo l’espressività, sta tutta nella certezza che le parole non cambieranno il mondo, non salveranno nessuno, né noi stessi e neanche la poesia.

… La rinuncia a ridurre lo spazio della parola, la rinuncia a incanalarla verso l’angolo dell’anima più vicino a una verità semplice, finisce per agevolare il trambusto della modernità, il suo creare maschere da maschere, fino a una completa spoliazione.
La parola che non sa costruirsi un proprio spazio bianco e vuoto e piuttosto si immerge nel marasma di un totale deragliamento dei significati, è una parola condannata al frastuono, terra di conquista delle infinite e sempre più confuse voci che abitano il mondo.
Il poeta che ascolta, in silenzio, non può essere che un poeta profondo, un poeta in grado di arginare il rumore e il nulla, che sa scegliere che cosa dire, accettando perfino di farsi attraversare, per scelta o sacrificio, dalla rinuncia a scrivere.

 

Un grazie particolare a Massimiliano Magnano.

Annunci

5 Replies to “Pentelite, scritture letterarie di Sicilia: un mio scritto”

  1. Come non essere d’accordo? Il silenzio, l’ascolto, ancor più di ciò che pare impercettibile, nutrono la triade inscindibile fra essere, pensiero, linguaggio. Oggi si parla tanto a ruota libera, in maniera umorale, troppo viscerale, la parola è urlata, non meditata. “L’importante è risparmiare al massimo il rumore delle parole” non a caso ci suggerisce il nostro Giorgio Caproni. Grazie dunque Sebastiano per le tue acute riflessioni.

    Mi piace

  2. Qualcuno un giorno mi disse che io sono un poeta troppo intimista, come se essere intimisti fosse un peccato, ma probabilmente lo è per questi tempi. E per qualche critico schierato e impegnato, soprattutto…Per me essere intimisti vuol dire essere profondi, attingere a zone dove si può entrare solo in punta di piedi. E dove puoi vedere anche gli altri, le cose…Molte parole, nel vocabolario della poesia, andrebbero ridiscusse, rifondate. Grazie degli interventi. Sebastiano

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...