Carla Bariffi annota un libro di Rosa Salvia

Rosa Salvia, MI STA A CUORE LA TRASPARENZA DELL’ARIA, La Vita Felice

IMG_0658

Addentrarsi nell’altro, quando l’altro rispecchia la propria identità nell’intimità delle immagini, nella condivisione delle passioni che ha origine dai nomi, dall’ascolto.
La Natura protagonista, come la sensazione che ospita gli equilibri …

Cammino in un ronzio di versi
verso la casa di Simone, Cristina,
Emily ed Antonia,
creature vive
nel cerchio della sorte.

Uccelli d’anima che incidono
il pensiero
piegato al vento sacro della bellezza.

*

Un cammino interiore delicato, bruciante, che ci accompagna nelle pieghe del vento, nella sensibilità che appartiene all’uomo, prima ancora che al poeta:

Non reggo più questo mondo che c’incalza/dentro la furia della sua agonia.

Un piccolo centro dentro al centro del cosmo, che è prima di tutto salvaguardia del seme, germoglio da custodire.

La parola è un’argentea coppa:
intatti, precisi gli attimi
si posano –
è un movimento d’acqua cui è stata
data forma,
un diagramma,
un disegno d’aria sottile –

E’ armonia dei contrari,
alchimia della somiglianza –

Oltre, il pensiero muore,
e tuttavia resta incorrotto
come un animale pietrificato, o meglio,
come il cristallo
corpo luminoso che brilla,
fermo orizzonte dell’immagine,
all’incrocio del tempo e dell’eterno,
enigma del vero.

Poi c’è l’incontro di terre straniere, esplorate con gli occhi del tempo, come nella bellissima A Petra, pag. 42, scintilla di un tempo, conoscenza perpetrata nelle ere, fatta sembianza di “uomo cammello” dove si muovono figure ancestrali, bagliori di ambra e deserto, murmure di nido, preghiera…termini che impreziosiscono la trama di un tessuto già prezioso per la sua materia prima, la fibra.

Alcune poesie sono veri e propri gioielli:

Amo le aquile
sole
in quel volo a spirale
cui s’affida l’ingegno.

Dedico a Rosa Salvia un’immagine che a Bachelard fu molto cara, quella della fiamma inconsumabile del cuore, pari a quella di un sole incandescente che incendia l’orizzonte.

(Foto di Carla Bariffi)

 

Annunci

3 Replies to “Carla Bariffi annota un libro di Rosa Salvia”

  1. Grazie di cuore Carla per questa tua bella segnalazione della mia raccolta. Sono davvero contenta che le mie poesie ti siano piaciute. E grazie anche per l’emozione che mi ha suscitato l’intenso componimento musicale che hai voluto regalarmi.

    Mi piace

  2. “Il pensiero piegato al vento sacro della bellezza” bellissima immagine. Mi sembra che ci sia nella poesia di Rosa un anelito all’assoluto cui indirizzarsi attraverso il mezzo di massima distinzione degli umani dagli animali: il pensiero. Ma il pensiero forse non è altro che lo strumento attraverso cui, noi uomini, decodifichiamo la vastità della bellezza ( e aggiungerei dell’orrore, purtroppo ) ; il mezzo che forse ci è stato dato generosamente per evitare di bruciarci nel contatto diretto con tutta questa inaudita vastità; che ci consente di attribuire un nome alle cose di fuori per sistemarle di dentro e darci l’illusione che ci appartengano. E chi più dei poeti è in grado di percepire e restituire questa illusione? Ecco allora che chi l’ha fatto prima, ( Emily, Antonia, Simone, Cristina) diventa guida di chi tenta di farlo oggi, vero Rosa? E così, le guide, continuano a vivere e a tenerci per mano nel nostro cammino…
    Grazie molte a Rosa per i suoi bei versi e a Carla per la sua lettura
    Chris

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...