Un testo assai importante

La letteratura in pericolo, Tzvetan Todorov, Garzanti 2008

di Corrado Bagnoli

todorov Qual è il pericolo di cui parla Todorov nel suo libro? Quale la minaccia che rischia di travolgere chi insegna, chi studia, chi legge e chi scrive? La malattia è definita da Todorov come quella “tesi secondo cui la letteratura non entra significativamente in relazione con il mondo” e, oggi, colpisce attraverso tre virus diversi ma ugualmente pericolosi. Lo studioso bulgaro li chiama formalismo, nichlismo e solipsismo. Nella premessa del libro, Todorov  racconta la sua esperienza di studioso di libri e di letteratura nella sua patria dominata dal totalitarismo comunista: scelse di sottrarsi alle esigenze dell’ideologia dominante, occupandosi nella sua tesi di quegli aspetti che non avessero nulla a che vedere con l’ideologia, cioè di tutto quello che nelle opere letterarie riguardasse il testo in quanto tale e le sue forme linguistiche. Fu una scelta che lo salvò dalla censura, ma che lui stesso definisce schizofrenica e che lo portò ad occuparsi di stile, di composizione, di forme narrative, in una parola di tecnica letteraria, costringendolo a tralasciare ciò che costituisce invece il vero valore della letteratura: il pensiero, i valori espressi da ciascuna opera, il suo significato più profondo. Una volta in Francia lavorò con Genette e seguì i corsi di Roland Barthes, ma proprio lì, in quella grande democrazia, non c’era più alcun motivo di mettere da parte quei valori  e abbandonò la sua passione per i metodi di analisi letteraria, dedicandosi “all’analisi dei testi a all’incontro con gli autori”. Oggi, confessa al termine della premessa, egli crede che la letteratura faccia scoprire mondi che si pongono in continuità con le persone reali e permettano di comprenderle meglio; egli ritiene che “la letteratura permette a ciascuno di rispondere meglio alla propria vocazione di essere umano”. Ma, paradossalmente, proprio in Francia, e più in generale in Europa, egli rinviene quella malattia che può essere letale per la letteratura stessa: qui, infatti, vige una concezione riduttiva della letteratura che prende le mosse dal formalismo e che ha intriso di sé il lavoro di ricerca universitario e che è cascata a pioggia sulla scuola e sulla critica che in quel clima intellettuale ancora oggi si forma. All’università e nella scuola oggi prevalgono i metodi strutturalisti  ( alla cui affermazione, per inciso, lo stesso Todorv ha contribuito): si insegnano le sei funzioni di Jacobson, i sei attanti di Greimas, l’analessi e la prolessi. Ma, si chiede Todorov, che ne è del significato e della bellezza delle opere che costituiscono il vero motivo per cui ci si può appassionare alla letteratura? La ricerca, la scuola e la critica hanno sostituito lo studio dei mezzi a quello del significato che è il fine; le impalcature necessarie per costruire un edificio ne hanno preso il posto, dice Todorov. Il lettore, invece, “oggi come un tempo, non legge le opere per padroneggiare meglio un metodo di lettura, né per ricavarne informazioni sulla società in cui hanno visto la luce, ma per trovare in esse un significato che gli consenta di comprendere meglio l’uomo e il mondo, per scoprire una bellezza che arricchisca la sua esistenza; così facendo riesce a capire meglio se stesso.” Sotto accusa è l’insegnamento universitario che intende l’opera letteraria come  capace di imporre “ l’avvento di un ordine in contrasto con lo stato attuale, l’affermazione di un regno che obbedisce a leggi e logiche proprie, escludendo ogni rapporto con il mondo empirico o con la realtà. In altri termini, l’opera letteraria viene ormai rappresentata come un oggetto linguistico chiuso, autosufficiente, assoluto”. Così, “senza stupore alcuno, i liceali apprendono il dogma secondo cui la letteratura non ha alcun rapporto con il resto del mondo e studiano soltanto le relazioni che intercorrono tra gli elementi dell’opera”. Conclusione? Agli studenti non interessa più la letteratura. Anche la corrente della decostruzione porta nella stessa direzione e queste concezioni riduttive della letteratura nutrono abbondantemente sia la critica che gli stessi scrittori. Sembra di sentire parlare davvero della letteratura italiana contemporanea, quando Todorov dice che “molte opere contemporanee illustrano la concezione formalista della letteratura: curano la costruzione ingegnosa, gli schemi meccanici con cui si genera il testo, le simmetrie, gli echi e le allusioni”, e non c’è bisogno nemmeno di fare dei nomi al proposito. Ma il formalismo non è l’unico virus che mette in pericolo la letteratura: altrettanto male sta procurandole anche la concezione nichilista secondo cui  non c’è più nemmeno bisogno  di negare che  essa possa descrivere il mondo: la letteratura, infatti, diviene una sorta di rappresentazione della negazione stessa. Nello stesso terreno di coltura vive e si moltiplica l’altro virus, il narcisismo o solipsismo: autori che descrivono minuziosamente la loro più piccole emozioni, le loro più insignificanti esperienze, le più futili reminiscenze. Se il mondo esterno non esiste, o se è ripugnante, l’oggetto affascinante diventa il sé: in poesia e in Italia in modo particolare, molta della produzione ultima soffre di questo minimalismo solipsista, e anche qui non c’è bisogno di fare dei nomi. Tutte queste concezioni hanno in comune l’idea di una rottura radicale che separa l’io e il mondo, in ultima analisi hanno in comune che non esiste…un mondo comune. Il mondo esterno, il mondo comune a me e agli altri è ugualmente negato o svalutato. Todorov ripercorre nelle pagine centrali del suo libro, in una sintesi preziosa e chiarificatrice, il percorso che, nella storia del pensiero moderno, ha portato a una concezione riduttiva dell’arte, a quell’idea dell’arte autonoma che ha portato infine ad una sacralizzazione dell’arte stessa: dall’estetica dell’illuminismo al romanticismo, fino alle avanguardie del novecento che “rendono vana ogni ricerca di significato e di verità”. Insomma, per Todorov i virus contemporanei crescono dentro un lungo tragitto del pensiero in cui arte e letteratura non hanno “alcun rapporto significativo con il mondo”, un dogma che costituisce oggi, attraverso il formalismo, il nichilismo e il solipsismo, una posizione dominante nella cultura europea. Todorov, nelle sue conclusioni, richiama le parole di Charlotte Delbo, arrestata a Parigi dagli occupanti nazisti. Nella sua cella, di fronte all’estremo, la Delbo scrive: “Le creature del poeta sono più vere di quelle in carne e ossa, perché sono inesauribili. Ecco perché sono miei amici, miei compagni, grazie ai quali siamo legati agli altri uomini”. La letteratura è dunque per Todorov una “rivelazione del mondo” che può “trasformarci nel profondo”; è “pensiero e conoscenza del mondo”. Più avanti, citando il filosofo americano Richard Rorty, afferma che essa è un’esperienza: quella dell’incontro con altri individui, del loro modo di essere e ci consente non una “nuova forma di sapere, ma una nuova capacità di comunicare. L’orizzonte ultimo di tale esperienza non è la verità, ma l’amore”. Questa nuova saggezza, dice Todorov, porterebbe anche ad ampliare gli orizzonti della critica, ma soprattutto a un mutamento dell’insegnamento della letteratura: l’analisi delle opere avrebbe come compito quello di “farci pervenire al loro significato – perché chiediamo che esso, a sua volta, ci conduca a una conoscenza dell’uomo che è di interesse comune”. E lo scrittore tornerebbe ad essere “colui che osserva e  comprende il mondo in cui vive, prima di rappresentare questa conoscenza attraverso storie, personaggi, sceneggiature, immagini, suoni”. Le opere, a loro volta, verrebbero incluse “nel grande dialogo tra gli uomini..A noi adulti spetta il compito di trasmettere alle nuove generazioni questa fragile eredità, queste parole che aiutano a vivere meglio.” La letteratura diventa dunque un’esperienza: l’esperienza di uno sguardo altro sul mondo, che nasce dentro il mondo e di nuovo gli si offre; un incontro con una verità, con un significato offerto al lettore a cui spetta il compito di verificarlo nella sua vita. Sguardo, offerta, sacrificio, compito e dunque responsabilità: quanto sembrano lontane queste parole dal panorama letterario e poetico contemporaneo. Ma occorrerà rimetterle in circolo, è un compito a cui una rivista di letteratura non può sottrarsi per non cadere nella deriva ineziale, formalista, nichilista, minimalista a cui assistiamo in gran parte della critica e della poesia contemporanea. Rimane, nel pur bellissimo libro di Todorov, una domanda aperta proprio sul termine attorno  a cui vibrano, semplici e chiare, le sue analisi: è il termine significato, opposto a forma o metodo, che rischia di non trovare fino in fondo una sua configurazione precisa. E ciò accade anche in molta poesia che pure si muove dentro il desiderio di superare quel formalismo e quel minimalismo degli ultimi decenni. E’ una questione aperta, che merita una profonda riflessione, ma a cui qui, in forma di provocazione, accenno attraverso le parole di Cormac Mc Carthy, del suo nero al suo bianco in “Sunset limited”. Dice il nero al bianco: “ Lo so che non capisci, zuccherino. La prima cosa che devi tenere presente è che io, nella testa, non ho manco un pensiero originale. Se non ha dentro la scia del profumo della divinità, allora non mi interessa.” Se il formalismo in letteratura nasce dal pensiero che ha negato il rapporto tra vero, buono e bello, è forse nella riscoperta di questa unità e del Mistero in cui questa unità convive che potremo ritrovare la strada; è nella riscoperta di un Destino che prende corpo anche il termine significato.

PS: Vecchio Mc Carthy, ma allora i tuoi libri, la tua letteratura sono davvero quello che Todorov, e tutti noi,  vogliamo. “La letteratura in pericolo” è un libro che dovrebbe stare sulla scrivania di tutti gli scrittori, di tutti i critici, di tutti gli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado, insieme a qualche libro di Mc Carthy, alle poesie di Derek Walcott e Les Murray (citiamo solo stranieri, così non ci inimichiamo nessuno): così, magari, ci si accorge che la letteratura sta dentro il mondo con una tensione a riscoprirvi il suo significato, il suo destino. Parole che, finalmente, non dovrebbero più essere scritte tra virgolette, perché sono il senso profondo dell’uomo e delle cose. Ricominciamo da qui, da questo sguardo, magari guardando a chi, questo sguardo, già lo fissa con tenerezza e ferocia, con verità e passione, accogliendo fino in fondo l’istante che viene. Perché non ci si può inventare, bisogna imparare da qualcuno. E per imparare bisogna essere umili, aperti, carichi di grazie: niente dogmi – formalisti, nichilisti o minimalisti che siano – niente pretese, niente sospetti, niente lamenti. Tutto senza virgolette.

Annunci

9 thoughts on “Un testo assai importante

  1. Il lettore, invece, “oggi come un tempo, non legge le opere per padroneggiare meglio un metodo di lettura, né per ricavarne informazioni sulla società in cui hanno visto la luce, ma per trovare in esse un significato che gli consenta di comprendere meglio l’uomo e il mondo, per scoprire una bellezza che arricchisca la sua esistenza; così facendo riesce a capire meglio se stesso

    Nello stesso terreno di coltura vive e si moltiplica l’altro virus, il narcisismo o solipsismo: autori che descrivono minuziosamente la loro più piccole emozioni, le loro più insignificanti esperienze, le più futili reminiscenze. Se il mondo esterno non esiste, o se è ripugnante, l’oggetto affascinante diventa il sé: in poesia e in Italia in modo particolare, molta della produzione ultima soffre di questo minimalismo solipsista, e anche qui non c’è bisogno di fare dei nomi. Tutte queste concezioni hanno in comune l’idea di una rottura radicale che separa l’io e il mondo, in ultima analisi hanno in comune che non esiste…un mondo comune. Il mondo esterno, il mondo comune a me e agli altri è ugualmente negato o svalutato.

    non si può che sottoscriverlo. f.f.

    Mi piace

  2. “Tutte queste concezioni hanno in comune l’idea di una rottura radicale che separa l’io e il mondo, in ultima analisi hanno in comune che non esiste…un mondo comune. Il mondo esterno, il mondo comune a me e agli altri è ugualmente negato o svalutato.”:
    La frattura tra io e il mondo esiste realmente, molto scomposta, gravissima di frammentazioni ossee (in metafora: non esistono più maestri cui riferirsi per un’estetica che sia un’etica. Poi, sono davvero necessari ?) Il terreno è percorso da una miriade di declinazioni dello stesso pathos narcisistico e ciascuno propone più la sua ombra che la sua interezza.
    Tutto il nostro riflettere e dichiarare è perché siamo ben consapevoli di questa vacuità presente essendo assente l’interezza cui noi sosteniamo fortemente di tornare: con i contenuti, con la parola che i contenuti esigono per incarnarsi per bene nella forma.
    Sosteniamo la scelta delle parole che trascinano eccellenza di pensiero, smettiamo di avvalorare il linguaggio minimo che va bene per la veloce comunicazione di altro e che non è la poesia.

    Mi piace

  3. Mi sembra che Fernirosso sia stata chiara . Vent’anni di degrado culturale che ha portato a sostituire i valori con il consumo e l’essere con l’apparire ha prodotto il deterioramento antropologico dell’ego , e la creatività ne è il riscontro : un ego dissoluto ed egemone fuori dal Mondo e fuori dalla Storia , sterile e imbelle .
    leopoldo attolico –

    Mi piace

  4. Molto bello. E anche vero. Ma la teoria è teoria, e scriverla non presuppone un cambiamento. E’ comunque testimonianza di qualcosa che molti sentono o percepiscono da tempo. E di un problema dal mio punto di vista, una modalità per altri, che altrove non esiste. Magari ci si potrebbe chiedere perché in America latina non è quasi mai così. Una bellissima parola chiave che si nasconde in questo testo è: dialogo. Grazie per questo testo assai importante su un testo assai importante. Massimiliano Damaggio.

    Mi piace

  5. Ringrazio Corrado Bagnoli per aver messo in evidenza un saggio così importante.
    Penso che lo ordinerò.

    Mi piace

  6. Estremamente “educativo” questo saggio alla cui lettura ci invita con tanta incisività il nostro Corrado Bagnoli. Un lavoro che poggia sulla coscienza di un’idea profonda della Letteratura come valore. La poesia in particolare non dovrebbe essere intesa solo come “luogo” di conoscenza, ma anche e soprattutto come autocoscienza critica,
    Nella moderna società di massa, sempre più disumana e totalitaria, nulla sembra salvarsi, neppure la “bellezza”, categoria ontologicamente ineludibile, come fine o come mezzo, dell’opera d’arte. Dunque, come far fronte al rischio di uno sperimentalismo fine a se stesso, col vuoto culturale e creativo che ne consegue? Come colmare la frattura sempre più netta fra l’io e il mondo? Come porre fine al narcisismo perverso, all’egotismo imperante, che paradossalmente fa dell’ego un “ego mutilato”, estraneo persino a se stesso? Interrogativi cui acutamente si prova a dare risposte concrete perché l’arte è in primo luogo comunicazione e deve conservare sempre la libertà di sfuggire alle catene della funzionalità e della mercificazione per una più autentica ricerca del vero.

    Mi piace

  7. Interessanti tutti i vostri commenti…io riesco a leggere di corsa solo adesso. Comunque Corrado replicherà con qualche nota. Grazie a tutti. Sebastiano

    Mi piace

  8. forse, involontariamente, anticipando che avrei replicato, Sebastiano ha bloccato il flusso dei commenti. Così, magari proprio con queste poche righe, li riapriamo, perché mi sembrano interessanti anche rispetto al “compitu re vivi” che insieme ci siamo dati. Dunque, sintetizzando al massimo, parto dalla teoria che è teoria e dalla reale frattura tra io e il mondo, due osservazioni dei diversi commenti. Ebbene credo che a costo di passare per ingenuo e sempliciotto, nonostante tutta la complessità e la frammentazione nella quale siamo immersi, sia possibile all’uomo dire pane al pane e vino al vino, sia possibile guardare dentro la propria esperienza elementare e capire che cosa è giusto, perfino anche che cosa è vero e bello e buono per noi. In particolare, riguardo alla lettura di poesia credo che la prima discriminante, che il primo fattore da prendersi in considerazione sia la capacità di comunicare: se un testo è volutamente oscuro ( quanta poesia si nasconde dietro l’oscurità non sapendo essere semplicemente profonda?), se si sottrae per progetto alla comprensione ( quanta banalità nei testi a soggetto, nella produzione epigonale) non può essermi amico. Io ho bisogno di cose che riconosco, o che, anche nella lontananza, non costruiscono ostacoli o orpelli. Verrebbe da dire con il Quasimodo del discorso del 59 al Nobel, che poiché il compito è quello di rifare l’uomo, la poesia ha poco da perdersi via in arzigogolamenti. Primo fattore, mi fermo qui, ma anche se sempliciotto e ingenuo, non credo certo che qui ci sia da fermarsi. ciao corrado

    Mi piace

  9. Per riprendere il discorso di Corrado, sul quale ci si potrebbe soffermare a lungo: per rinominare gli oggetti della realtà, credo che, uno dei problemi principali sia una chiarezza epistemologica intorno a un concetto di “realismo”. Che cosa è realismo? Sulle pagine della rivista LA MOSCA, girava l’idea di un REALISMO INTENSIVO, che qui potremmo postare. Ma una volta mi piaceva anche la vecchia idea di REALISMO MAGICO. Tutto sommato sono per un’idea di realismo assai semplice, perchè, ogni idea di realismo, finisce per complicare la realtà, e ogni poetica ha una propria idea di realismo, perfino le avanguardie che, storpiando la lingua, sembra neanche si pongano l’idea della cosa per ciò che è la cosa in sé … E inoltre molte altre parole potrebbero rientrare in qeusto discorso: per esempio l’abuso che si è fatto del termine “minimalismo”, mentre io credo che ogni realismo debba partire dalle “cose” e dunque anche il minimalismo è parte in causa, in quanto a suo modo, descrive le “cose”, abiurando a ogni retorica. Non è minima, a suo modo, quantomeno come punto di partenza, la poesia di Leopardi? Sebastiano

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...