Carla Bariffi: nella tua lingua

Carla Bariffi, RAPSODIA IN ROSSO, Cfr 2013

Bellano-03Scientemente, adoperando lo strumento della riflessione filosofica, le sequenze di Rapsodia in rosso analizzano come si perviene dal nero al rosso; dall’informe, alla creazione di qualcosa che conservi in sé le feconde occasioni della vita: “caparbiamente osare / usurpare / il nero”, p. 10.
Dico a fiamma bianca, perché “è l’azzurro che vince / mediatica punta meridiana / perpendicolare”, p. 18, ricerca di una semplificazione che mi sembra possa riassumersi in un pensiero sull’assenza: “L’assenza non è nello sguardo / del cane che implora / l’assenza è metallica lama / che affonda e rimuove”, p. 11.
Questa poesia, allora, sembra camminare lungo il sentiero periglioso di infinite conoscenze che sono trappole e strumenti nello stesso tempo; contempla e riflette, si mostra brevemente in lasse indipendenti, spesso di splendente saggezza. Sono lacerti che contengono un erotismo naturale, contemplazioni paesaggistiche, le rive di un lago, i suoi colori che trascolorano nel tempo; ma anche le infinite polluzioni di uno spazio stracolmo di materia, dove pur si situa il nostro, quanto utile non lo sappiamo, desiderio di conoscenza: “Chi dedica la vita all’ascolto / sacrifica una parte del reale (del sé?) / – vive in bilico – / tra due mondi sconosciuti”, p. 34.
È evidente che, questo genere di poesia, prima o poi finisce per investire il senso stesso della scrittura, la sua essenza e la sua radice. La Natura, si dice in un passaggio, è pervasa dal Pneuma, quindi da un istinto ad essere partendo da forme primordiali a cui, forse, riesce a sottrarsi solo il pensiero di un bambino: “Disincarnato frutto / la conoscenza del bambino / la sua energia-guida / verso l’enigma delle cose”, p. 20.
Eppure, anche nella trasgressione dell’io formato, che vorrebbe ritornare ad essere bambino non più ingenuo, partendo da tutta l’esperienza della vecchiaia, questa rapsodia vuole proclamare la possibilità di partecipazione, del miracolo del Tutto che esiste e felicemente si disperde, malgrado noi stessi.
“La grazia / conosce la trama del fiore / nel petalo rosa il mio rosa / nel rosso che goccia il mio sangue / la spina che spingi / e lo sai”, p. 36.

Sebastiano Aglieco
Var 2014

***

L’altrove è un luogo costruito
nella mente e nello spirito.
Penso questo mentre cerco
la mia penna preferita.

***

La percezione cambia
quando semini il distacco dalle cose
e la mente stira i passi dentro l’ombra
che attraversa ogni pensiero.
Realtà è ciò che comprende
il tuo campo visivo.

***

Ogni tuo silenzio
è sfida
raccoglie dal buio
– Scintille –
le sparge sul lago,
lo incendia.

***

Pascal ci aveva visto giusto;
il malessere degli uomini deriva da una sola cosa:
non sapere stare soli in una stanza.

***
Un’immensa nostalgia
si appropria del mio cuore
lo tinge di un ocra che cola
sbavato sul crinale cristallino
dell’occhio.
Si strappa e si riflette
brevemente
nell’orbita dell’acqua.
Ma è l’azzurro che vince
mediatica punta meridiana
perpendicolare
tra le strette falangi del mio pugno.

***

Ogni calligrafia raccoglie imperfezioni
che non vanno dimenticate.
Esse definiscono una mappa
che accorpa passato e presente
nella forma che il destino ci tramanda
nei secoli dei secoli.

***

Negli occhi si spegne
l’azzurro remoto del giorno
e palpita il nero.

***

Siamo mutevoli come animali
ma anche come i fiori
che non sempre mostrano
la gioia di un pistillo
o il gambo piegato dal vento.

***

È il silenzio
che domina il pianeta
non la musica o il canto
“il suono in senso pieno”
ma il silenzio – sterminato – di Dio.
Da qui nasce il pensiero e i sillogismi
e tutto ciò che lega
l’ossario della pelle all’universo.

***

La mia religione è nel verde
dell’acqua che culla e traspare
in ogni pensiero che sfiora
la mia ricordanza.

***
Nel momento stesso in cui accade
ogni cosa è condannata all’aporia
l’abisso risucchia ogni verbo
disossandone la carne.

***

È nella tua lingua
che la mia lingua prende
la forma perfetta del suono.
Beve la goccia scavata
nel cono di luce;
lo assimila e lo scopre.

***

IL BLOG DI CARLA BARIFFI

Annunci

15 Replies to “Carla Bariffi: nella tua lingua”

  1. Sebastiano, mi hai fatto un dono bellissimo, non sai l’emozione che provo leggendo le tue parole …il regalo più bello di questo 2014, bello perchè inaspettato, gratuito, sentito….
    insomma, sono proprio felice 🙂
    Grazie!

    Mi piace

  2. Credo che gratuità e serietà di lettura rientrino nello spirito di questo blog; anch’io sono grato per questa segnalazione; trovo poi particolarmente interessante la proposta del testo “scrivere non è una passeggiata”.

    Mi piace

  3. Proposta interessante, mi piace moltissimo la prima poesia, lo spostamento tra l’altrove e la penna, tra la trascendenza e il reale. Non so dirlo meglio 🙂 .
    Liliana Z

    Mi piace

  4. grazie del passaggio, caro Antonio. Credo sempre di più che per valorizzare spazi come il mio, e non solo il mio, occorrino presenze, passaparola, lettura. perché il qualunquismo e la superficialità ci stanno uccidendo. l’intervento apparso qui, per esempio, credo che non faccia giustizia della serietà di chi lavora seriamente http://www.leparoleelecose.it/?p=1403

    Mi piace

  5. Caro Sebastiano, visto che me ne offri l’occasione posso dirlo apertamente, scusandomi con Carla se approfitto di uno spazio che giustamente è dedicato al suo bel libro: è da tanto tempo che non visito Le parole e le cose e, confesso, anche Nazione Indiana talvolta mi sconcerta, proprio perché vi ho colto delle astiosità e più di una volta una mancanza di rispetto nei confronti delle persone che sono atteggiamenti che mi respingono; credo anch’io profondamente nel lavoro onesto, umile, quotidiano e le mie letture personali spesso si arricchiscono proprio grazie alle proposte di un blog come il tuo che è capace di spingere a conoscere un autore, a comperarne i libri e che tiene ben lontano il narcisismo. Concordo con te quando scrivi che l’intervento di Donnarumma è ingiusto nei confronti di chi non cerca palcoscenici, ma crede nel lavoro di scrittura proprio ed altrui.

    Mi piace

  6. Leggendo tutto il poemetto (che è u n insieme di frammenti poematici che girano intorno al tema dell’assenza, o meglio dell’indefinibile) risulta chiaro il senso dell’andare rapsodico, questa specie di ricerca del Santo Graal della parola e/o “quella e una sola / che nessuno ha”, come scriveva Giudici e risulta chiaro questo girare in tondo cercando qualcosa in cui si è immersi, che ci impregna ma che sfugge. I musicisti dell’800 (Frank e soprattutto Wagner e poi Mahler) sapevano bene questo modo di comporre, dove il materiale sonoro viene, proposto e riproposto in mille modi diversi, tutti lo stesso tema ma tutti diversi, come il paesaggio che è sempre lo stesso ma cambia muovendo dentro di esso. La rapsoda qui si muove dentro un senso penetrabile ma sfuggente, chiaro e tuttavia misterioso, che si vela e si rivela come la filosofica Aletheia nel tentativo (peraltro impossibile ma che si deve fare se si vuol seguire, anche laicamente “virtute e canoscienza”) di arrivare al conosciuto indicibile, di sperimentare più che descrivere, di vivere più che dire. Se cerco una parola per indicare tutto questo, in poesia, mi viene in mente la locuzione “dire l’indicibile”, ossia dire l’essere nel rispetto della sua essenza, “lasciando che l’essere sia”, come diceva Heidegger, solo dire e non de-finire, cercare e non trovare.

    Mi piace

  7. Grazie di cuore a tutti gli intervenuti.
    Sono onorata di conoscere persone sensibili come voi e per le quali la poesia è prima di tutto: anima.

    A presto e un abbraccio caldo 🙂

    c.

    Mi piace

  8. caro Antonio, il problema credo sia essenzialmente quello di imparare a fare cultura, quindi preservazione delle esperienze. A mio avviso, ma potrei essere di parte, il lavoro fatto sui blog poetici è, ancora oggi, insostituibile, al di là dei facili proclami e delle marce indietro, probabilmente messe su da persone che magari non si sono fatte mai coinvolgere più di tanto o hanno giocato a ribasso. se avessi qualche poltroncina, istituirei un premio per i blog “più”; un riconoscimento per il lavoro che molti fanno. ma non ho poltroncine e il silenzio fra gli stessi gestori dei blog, haimé, è sempre più abissale. grazie. Sebastiano

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...