Marilena Renda: diresti che non è casa …

Marilena Renda, RUGGINE, Com Press 2012

22275438_enzo-campi-su-ruggine-di-marilena-renda-0

Sono due i libri da accostare, per simile ispirazione e per svolgimento diversissimo, usciti nel 2012: questo Ruggine e Irpinia, di Alfonso Guida.

Stesso tema –  quello di un terremoto epocale –  nel caso di Guida vissuto per testimonianza diretta e in forma di poema senza quasi interruzioni, come un flusso di coscienza potentissimo, scaturito direttamente dagli interstizi della terra e del ricordo; nel caso di Ruggine, invece, evento ricostruito per lacerti di memoria non diretti, ma attraverso la voce di testimoni e ricordi desunti da cronache e cartoline, e dei ruderi  rimasti nel presente; per desiderio di cronaca interiore,  a testimoniare uno sconquasso antropologico e forse metafisico, “A volte mi viene da pensare che Gibellina sia una sorta di esperimento alieno malriuscito”.

Le ruggini descritte in questo libro, dunque, le materie scoscese, sono gli avanzi del presente che a loro modo custodiscono memoria fattasi naturale, destinata, tuttavia,  a disgregarsi: “questa città è un nuovissimo sedimento // che non nasconde nulla a gru e scavatrici, / e non trattiene pietre impolverate, collane / ossidate, cucine corrose, lenti sbeccate, /piatti e quaderni, lavatrici e coltelli. / Acqua di palude, germe di malaria”, p. 55.

La memoria non è stratificata come avviene normalmente, ma corrosa e malata, esposta, per ribaltamento, alla luce del sole e al canto della poesia, almeno.

Gibellina/Gibilterra: due luoghi che per diritto naturale Marilena Renda accosta al senso di un passaggio e di una separazione;  luoghi dello scanto, a dir meglio, cioè della paura del sommovimento, naturale e poi psicologico; anche di una partenza, infine, di una separazione forzata;  natura, in fondo, di una Sicilia che  si culla di ricordi e intanto li cancella, come se il vivere fosse in un altrove che è già stato ma che non si vuole riconsegnare alla storia:  “non vogliamo vivere lontano dai pozzi della luce, / vivere lontano dallo stesso, dalla ronda di faville, / dallo stesso muro e geranio di pietra, / fanale di marce notturne, tigre della memoria, / scenografia di case dirute, tabernacolo assente”, p 59

Sebastiano Aglieco
Brema agosto 2013

TESTI

Annunci

5 Replies to “Marilena Renda: diresti che non è casa …”

  1. la tua definizione *per lacerti di memoria* è assolutamente unica e magnifica…
    inutile ripeterti quanto sei efficace nello sviscerare il nocciolo di una poetica e renderlo comunicabile all’universo, ma è così bello leggere le tue recensioni…
    ciao Sebastiano

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...