Compitu re vivi: un’anticipazione

Sebastiano Aglieco, COMPITU RE VIVI, Il ponte del sale 2013

dalla presentazione di Maurizio Casagrande

compitu2

Aleggia un’aura tragica e sacrale sulle pagine di quest’ultimo libro di Sebastiano Aglieco, che si propone, fin dall’epigrafe, in un tono raccolto e solenne e nella forma asciutta della supplica, valida prima di tutto come monito che l’autore indirizza a se stesso al fine di promuoversi a solerte custode di “tutte le cose”, presenti e  passate, a cominciare proprio dalla lingua: il dialetto sorgivo dell’infanzia, più vitale che mai, per quanto riesumato dal passato (…) Nella sua accorata preghiera, il poeta-ragazzo – che sa leggere nel cuore degli altri – può chiedere unicamente che abbia da passare il giorno e che gli occhi si chiudano per nascondere il mare (Prijèra – Preghiera), elemento tutt’altro che materno e positivo in questo libro. E l’unica maniera per riscattare il male è contrastarlo con la poesia …

***

Guardo le foglie nel margine
la luce che alimenta e che abbandona.
Ecco: toccàti, sfiorati sulle labbra.
Così è la parola che vi mostra al mondo nella
luce brevissima, nel suono che
non deve niente alle cose.
Questo il canto delle foglie che ascolto
mentre muoio al tempo senza
rimpianto, senza pianto.

***

cuntàri i vistìti nna muàrra
i miricinàli
l’ugghi e ‘n pezzu ri manu
ràpiri l’acqua
vattìari i muri
rùmpiri uci e scantu
ittàri u malu sancu
mittìrisi u vistitu jancu
irinìrisi

contare i vestiti nell’armadio/le medicine/gli aghi e un pezzo di mano/aprire l’acqua/battezzare i muri/spezzare voce e paura/buttare il cattivo sangue/vestirsi di bianco/andarsene

***

Scrivo da questa altezza
Binario 21, vertigine dei miei giorni.
Liberami, signore, da questi lacci
contempla il tempo mio tutto
nella vertigine e nella gola
spalancami negli occhi dei bambini
liberami di me, da me stesso
dalle mie parole.

Io volevo parole per tutte le cose
ma le cose, nutrite, morivano.

Annunci

15 thoughts on “Compitu re vivi: un’anticipazione

  1. un’altezza che sfiora la vertigine nel tocco sapiente di una contemplazione di luce
    una supplica interiore sotto forma di preghiera, che accoglie in silenzio …
    intense.

    Mi piace

  2. La poesia non riscatta il male, Sebastiano lo sa. Per questo scrive una preghiera: il desiderio è quello di una parola che accoglie il mondo, che lo vorrebbe salvo, certamente salvo. Ma se non si può, allora si chiede almeno di imparare ad accettarlo nella custodia della ferita. Non c’è una poesia più grande di quella che si muove verso il mondo, lasciandosi stupire e ferire da quello che c’è. La fede nella realtà sopra ogni cosa che qui abita invoca, oltre il silenzio, una speranza, anche contra spem. Grazie Sebastiano per la tenacia e la fedeltà.

    Mi piace

  3. La lingua, le cose, il mondo. E una vertigine che è poesia, stupore d’infanzia, accettazione di un compito che passa da noi, ci attraversa e ci supera…
    Poesie davvero belle, Sebastiano. Un caro saluto.
    Mauro

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...