Massimiliano Aravecchia: appunti viaggiando con le dita sospese

Massimiliano Aravecchia LA VALIGIA E IL NOME, L’Arcolaio 2012

aravecchia 3…Queste poesie si aprono con una dichiarazione di umiltà: “sei presuntuoso, pensi/d’avere una tua storia stretta in tasca sotto il sole a primavera,/ essere in mezzo agli altri il più diverso”, p.13.

… Forse questo è dovuto allo stato provvisorio di esule – ricordo la mia prima valigia, la mia prima nebbia, in piazza Marinai d’Italia, nel 1985, a Milano –

 … Giovani che viaggiano per città d’Europa, non con quel sentimento di annullamento che avevo io, ma con una resistenza maggiore, una propensione a non farsi fottere, a vivere intensamente. O forse per un identico sogno, quello stesso confondersi in una promessa di sogno: ” nella notte adolescente”.

… Leggiamo citazioni letterarie nella vita, la vita che cita la letteratura, o viceversa. E soprattutto la notte, l’ indistinta e fascinosa forma dell’andare per ombre.

…Il viaggio fa scaturire improvvisi racconti: la storia cupa, la storia che emerge dalla notte, una storia di adolescenza rediviva.

… Cameratismo adolescenziale, veri proclami. Nei nostri tempi incredibilmente veloci si accorcia il viaggio di Ulisse  – che cosa potrebbe esplorare, oggi, di se stesso, di noi, del mondo? – “Ulisse cammina lento, ignora che a volte si vive solo per gravità”, p 33.

…Finisce il viaggio nella vecchia Europa, dentro se stessi, per il vecchio che già diventiamo; così si sente l’urgenza di una “geografia del ricordo”, per ordinare tutti i cassetti, entrare nel secondo tempo della vita.

…Il viaggio di Ulisse è, per Aravecchia,  un vero viaggio ad Avignone, sotto la pioggia.  ” la pioggia ci sorprese appena fuori dal ventre ci avvolse/odore di freni e notte d’autostazione: la prima/ immagine d’Avignone fu una rinascita per acqua/ di noi inesperti”, p 36.

…Ma cosa succede quando si ritorna?: il viaggio è sempre alle porte, ci portiamo dentro l’istinto del cacciatore, prede e cacciatori, con il lievatano alle porte…

…Il viaggio è dentro la propria storia, le proprie radici, negli occhi, nei gesti degli altri – nel tunnel di una stazione, adesso, mentre scrivo con le dita sospese –  nel ricordo delle persone che con le mani hanno saputo costruire un mondo: “Giovanni fu Bonfiglio Gazzotti fu muratore e straniero/ ovunque”, p 49.

…E infine il viaggio è  nella nascita, negli occhi di tuo padre che ti ha presentato per la prima volta al mondo.

Sebastiano Aglieco

***

a Manuel

quale vorace notte di metà aprile ci portava

al filo di una canzone pedalando e intorno

al turbine che rinnova le vie s’aprivano e a noi

e questa nostra cometa di ferro e manubrio lungo orbite

ciclabili se ne andava, la prua fendendo i ghiacci invernali…

venga allora la fine di questa infanzia: ma non potrà

rapire quella ruota sui pollini dal nuovo giorno

p. 31

***

un vecchio Ulisse attraversa il campo tagliandolo

in senso contrario all’onda ed in spalla reca

il remo che l’ha portato a riva mentre la primavera

genera piante inutili in mezzo al grano ed un guscio di vento

scontorna alla vista l’immobilità della terra. vedi?

l’erba si chiude ai margini del suo passo

l’ombra del ventilabro prolunga appena la sensazione di un movimento.

Ulisse cammina lento, ignora che a volte si vive solo per gravità

p 33

***

a Milena N.

un vento dall’oceano che non dà tregua, lo senti

a sparigliare il conforto di questa mia

geografia del ricordo e ricomporre un’altra lingua, a rinuncia

donare e perdita un abito identico – è tempo, mi dici, è tempo!

ed io che ti chiamavo per una storia di condoglianze

per l’inattesa rovente esplosione della forsizia

a partita già decisa lungo i muri delle case popolari…

p. 35

***

isole Cassiteridi

I

la pioggia ci sorprese appena fuori dal ventre ci avvolse

odore di freni e notte d’autostazione: la prima

immagine d’Avignone fu una rinascita per acqua

di noi inesperiti, del vento che a sparigliare –

nemmeno il respiro bastava alla corsa in hotel –

le nostre vite, la forma dei sogni creando

inesplorati mondi nel vortice nuovo dei nostri corpi

II

vedemmo elementi intrecciarsi, il polmone marino

che dicono i geografi limiti il mondo da nord

caos primigenio che scherma il mondo di sopra dal nostro –

ma vento colmava la vela delle lenzuola nel mattino

gli sguardi s’inebriavano sopra al mare color del vino

voltandosi altrove se mai la città sprofondava

nei visi consumati, nell’abitudine dei mercanti…

III

così imparammo a leggere tra le squame

del fiume Oceano il segno della marea lungo i nostri corpi

a perdersi e nuovamente scoprirsi per giorni

vasti come millenni (ma svaporava

il sogno e il relitto che avremmo veduto al Jardin des Vestiges

era forse pretesto ad una nuova partenza, nient’altro

che cenni di saluto lungo i moli del mattino)

p. 37

***

il vestibolo del tempo

IV

Giovanni fu Bonfiglio Gazzotti fu muratore e straniero

ovunque – della sua casa non più di pietre

disperse dopo l’incendio di Villanova, l’ultima lepre

indietro di cento  anni nella memoria, così lontana

che quasi ci fugge innanzi, mostra la strada…

gentile o nipote ricordati di Giovanni: non fu di libri la sua valigia

non fu  di poesia il suo tempo ma lui fu bello al pari di te

p. 49

Annunci

4 thoughts on “Massimiliano Aravecchia: appunti viaggiando con le dita sospese

  1. Grazie per il vostro articolo, mi sembra molto utile, provero’ senzaltro a sperimentare quanto avete indicato c’e’ solo una cosa di cui vorrei parlare piu’ approfonditamente, ho scritto una mail al vostro indirizzo al riguardo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...